Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

domenica 31 maggio 2015

L' italiano, e il pregiudizio del suo cervello telecomandato

di Lapenna Daniele
#immigrazione #razzismo #reati #omicidiostradale #italia #italiani

Come mai quando un individuo di nazionalità non italiana commette un reato, gli si vuole bruciare casa ( o si vuole bruciare proprio l' individuo ) e si fanno fiaccolate la sera stessa del reato, ma quando lo fa un italiano, nessuno vuole bruciare la casa del individuo che ha commesso il reato?

Moltissimi italiani sono come le barchette di carta poggiate sul pelo dell' acqua: non scelgono come muoversi, ma vanno dove spira il vento. Vi lascio scoprire a voi qual è "il vento" nella metafora della vita sociale. Vabbé, vi dò una mano: inizia per "poli" e finisce per "tici".

L' articolo che scrivo è solo il pretesto, anzi, la goccia che fa traboccare un vaso già traboccato.
L' ultima notizia di cronaca dei rom che hanno investito quelle persone a Roma ( questa la news ) è infatti solo un pretesto. Una notizia che è stata su tutti i media, a differenza di altre notizie ( tipo questa ) che, quando gli investitori ( definiti da me, in questo post, coloro che investono con il proprio veicolo dei pedoni o altre auto ) di persone sono italiani, non si fa cenno della nazionalità, e nessuno incita ad incendiargli la casa.
Anche se investe, uccide e fugge compiendo omissione di soccorso, come leggiamo da quest' altra news proprio avvenuta in contemporanea con quella dei rom di Roma, nessuno vuole incendiare la casa del colpevole. Mannaggia alla pupazza però l' individuo è italiano e quindi nessuno vuole incendiare niente.  Accidenti!

Gli intervistati in merito alla notizia dei rom investitori si dimostrano già degli ignorantoni: ai microfoni dei tg dicono "devono cacciarli e rimandarli al Paese loro". Peccato i rom siano una popolazione nomade, originari di diverse nazioni ma non appartenenti a nessuna nazione. E vabbé, ma mica tutti siamo informati!
I tg e dei programmi in particolare poi seguitissimi nonostante abbiano solo il compito di proseguire l' azione di indirizzazione della massa verso l' odio del non italiano. Gli intervistati Poi iniziano con "andiamo ai loro campi e li bruciamo tutti! Bruciamo il campo e anche loro! Hanno rotto, questi sono tutti assassini e ladri!" una generalizzazione che fa paura quando la si ascolta non su una, non su dieci, ma su milioni di bocche.

Peccato poi che quando lo stesso reato lo faccia un italiano, non riscuote cotanto successo né sui media nazionali, né sulle bocche degli italiani ( questo articolo è un esempio  ).

Nessuno, e dico nessuno di questi italiani che cavalcano l' onda degli incitamenti razziali dei vari politici e dei vari giornalisti ( o pseudo giornalisti ) ha capito che stanno aizzando il popolo all' incazzo massimo, indirizzandolo non verso coloro che per più di centocinquant' anni ( e non 20 anni come alcuni continuano a dire ) hanno pensato prima ai loro interessi, e poi a quello del popolo, no,.. ma verso una categoria di persone.
Uso una metafora, visto che amo la chiarezza ( a differenza di molti ):
lo scienziato è il politico, e i topi sono il popolo.
Lo scienziato prende una decina di topi neri, e la mette nella stessa gabbia dove vivono già dei topi, ma di un' altra razza, sono bianchi. Lo scienziato dimezza il cibo e poi, quando un topo della razza bianca ruba il cibo o uccide un topo bianco, quindi della stessa razza, lo scienziato dà del cibo e distrae i topi. Il topo bianco è un cattivone, ma poi i topolini dimenticano presto, e il topino dopo un pò di tempo rientra nel gruppo, come se niente fosse. Quando invece un topo nero mozzica un topo bianco, lo scienziato incita i topi bianchi invitandoli ad attaccare il topo nero. Il topo nero è attaccato da tutti i topi bianchi che se lo mangiano vivo.

Morale della favola:
se dovete prendervela con la gente ( o con dei topi ), prendetevela in base al reato commesso, e non in base alla razza. Grazie.

sabato 30 maggio 2015

L' unione fa la forza

di Lapenna Daniele

Ogni tanto è bello trovare qualche buona notizia. Di recente è difficile trovarne, non solo perché sui media e sui giornali on line mettono sempre quelle tragiche, ma anche perché se c'è una buona notizia, le persone cercano sempre la parte negativa della stessa, come una sorta di fatalismo come linfa vitale.

Quel che è accaduto a Londra è stato uno dei tanti episodi di altruismo fra persone che non si conoscevano neanche: il tizio viene investito dall' autobus e rimane incastrato. Decine e decine di persone si adoperano per alzare il mezzo di peso e tirare fuori il ciclista.
Nella foto qui sopra invece è ciò che accadde in Australia nell' agosto dell' anno scorso ( questo il video da YouTube ): un tizio rimane incastrato fra il treno e i binari e le persone iniziano a spingere lateralmente il mezzo per permettere al passeggero di disincastrarsi.

Queste notizie mi ricordano non solo tante altre che sono accadute in questi anni ( che noi tendiamo a dimenticare perché è bello esser fatalisti e mostrarsi vittime, vero? ), ma anche una mia poesia scritta ben tre anni fa dal titolo "L' unione uccide la rassegnazione"

Un invito a non mollare, ad aiutarsi, a sperare che c'è sempre chi è pronto ad aiutare, e a ricordare che non sempre tutto è perduto.



venerdì 29 maggio 2015

Arriva il Go-Girl: da oggi anche le donne potranno fare la pipì in piedi

Basta ricoprire la tavoletta dei water pubblici con 500 metri di carta igienica, da oggi in Cina sarà disponibile il Go-Girl, uno strumento di gomma che permetterà ad ogni donna di fare la pipì.... in piedi! Proprio come gli uomini.
Lo strumento può esser acquistato su Amazon.


Ulivi in Puglia: chi c'è dietro il batterio Xylella Fastidiosa?


Ci sono tanti interessi attorno al batterio killer che sta decimando gli ulivi salentini e che minaccia di colpire il territorio pugliese e non solo con potenziali protagonisti che hanno interesse a seccare gli ulivi del Salento. Coincidenze?

La presenza del patogeno, considerato tra le cause della moria di alberi, “presenta aspetti che potrebbero andare oltre la fatalità”, lo dice Gian Carlo Caselli, ex procuratore capo di Torino e presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura.

Che Xylella sia stata importata è un fatto, come pure che in questa storia paiono esserci tutti i presupposti di una guerra chimica o batteriologica. Di fatto nelle grandi multinazionali oramai la guerra non si combatte più in un consiglio di amministrazione, ma con atti atroci di terrorismo e bombardamenti di intelligenza sopraffina che riducono a deserto i deserti.

Una fantasia? Mica tanto, almeno a leggere gli studi fatti nel 2008 dalla rete europea di batteriologi, costituitasi nell’ambito dell’iniziativa COST 873: di tutte le specie batteriche elencate, solo Ca. Liberibacter spp. e Xylella fastidiosa, entrambi patogeni per gli agrumi, potrebbero essere considerate tali da soddisfare i criteri proposti per le armi biologiche. E se l’ulivo, si sa è pianta protettissima, il cui abbattimento è legato da vincoli di legge spesso insuperabili, chi ha interesse ad estirparli prima del tempo per poter realizzare tracciati che richiederebbero autorizzazioni senza fine?


L’inchiesta sulla Xylella mosse i primi passi nel maggio di un anno fa, dopo la morìa di centinaia e centinaia di alberi d’ulivo segnalata in tutto il Salento, a seguito di tre esposti presentati in procura da alcune associazioni ambientaliste: il sospetto è infatti che la Xylella, segnalata in Europa circa quattro anni fa, possa essere stata introdotta per la prima volta nel corso di un workshop tenutosi a Bari nel 2010.

Può interessarti
"Agromafie: 3° rapporto sui crimini agroalimentari in Italia"

giovedì 28 maggio 2015

Lo Stato Italiano apre coltivazioni di cannabis per uso terapeutico curate dall' esercito

#cannabis #marijuana #farmaci #salute #medicina

La cannabis terapeutica funziona. Per questo il governo ha deciso di farla coltivare in Italia. Dall'esercito. Il mensile Focus è andato a visitare le serre del governo. L' articolo completo sul numero 272 del mese di giugno.

In Italia l’uso terapeutico della cannabis è previsto dal 2007, ma nella pratica per i pazienti non è mai stato semplice procurarsi i medicinali, sia per la lunga trafila burocratica necessaria, sia per i costi: i farmaci a base di cannabis devono essere importati dall’estero ed erano, fino a poco tempo fa, interamente a carico del paziente.

Nel 2014 un decreto legge n. 36/2014 ha semplificato le cose, consentendo ai medici di base di prescriverli, e undici regioni (Toscana, Puglia, Veneto, Liguria, Marche, Friuli- Venezia Giulia, Abruzzo, Sicilia, Umbria, Basilicata, Emilia-Romagna) hanno introdotto leggi specifiche sui medicinali a base di cannabis, accollando i costi al servizio sanitario regionale per l’uso in alcune patologie.
È in questo contesto più favorevole che si è deciso di partire con una produzione made in Italy e “di Stato” della cannabis medicinale, affidandola all’officina farmaceutica militare di Firenze che Focus ha visitato.

Quanto agli effetti collaterali, nell’uso medico sono irrilevanti. Diverso il caso dell’abuso di cannabis. Spiega Maurizio Bifulco, dell’Università di Salerno: «I possibili danni legati all’uso ricreazionale di cannabis sono notevoli nei ragazzi: problemi neurocognitivi, disturbi della memoria, dell’apprendimento e della plasticità neuronale. Per gli adulti invece non sembrano esserci rischi neurocognitivi a lungo termine».

lunedì 25 maggio 2015

Dopo 90 anni, riappare una nave scomparsa nel triangolo delle Bermude


La leggenda del triangolo delle Bermude, con le sue continue sparizioni di navi ed equipaggio, è da sempre collegata alla scomparsa della SS Cotopaxi nel 1925. Stupisce quindi il ritrovamento, la mattina del 18 maggio 2015, di una nave senza equipaggio che galleggiava nelle vicinanze di Cuba.

La Guardia Costiera cubana ha avvistato la nave fantasma per la prima volta il 16 maggio in una zona militare ad ovest dell'Avana interdetta alla navigazione. Gli equipaggi delle motovedette inviate da Cuba sono rimasti sorpresi quando hanno ritrovato una nave risalente a 100 anni fa. All'interno non c'era nessuno e subito si è pensato alla famosa nave SS Cotopaxi scomparsa nel 1925. A bordo della nave è stato trovato il diario del capitano che all'epoca prestava servizio per la Clinchfield Navigation Company, proprietaria della SS Cotopaxi. L'esperto cubano Rodolfo Cruz Salvador ha assicurato che il documento è autentico.

Il diario di bordo della nave ritrovata contiene interessanti particolari registrati fino alla data della scomparsa della nave che sarebbe avvenuta il 1° dicembre del 1925.

venerdì 22 maggio 2015

Il vulcano Marsili potrebbe svegliarsi. Necessario ed urgente un identikit

#terremoti #earthquakes #vulcani

C'è bisogno di un identikit del vulcano sottomarino Marsili, il più grande vulcano d'Europa che si trova al largo delle coste campane e calabresi, per valutare i rischi collegati a un suo eventuale risveglio e al pericolo di tsunami.
A scriverlo, sul blog dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), è il vulcanologo Guido Ventura.

Di questo gigante che dorme nel mar Tirreno si sa poco. Per esempio, non si conoscono i tempi di ritorno delle eruzioni: questi vengono infatti calcolati sulla base delle eruzioni avvenute in passato, ma purtroppo per il vulcano Marsili ne sono state documentate soltanto quattro. Le più recenti sono avvenute circa 5.000 e 3.000 anni fa: “sono stati eventi a basso indice di esplosività - osserva Ventura - avvenuti nel settore centrale dell'edificio a circa 850 metri di profondità”. La difficoltà nel documentare le eruzioni sottomarine deriva dal fatto che, poiché queste avvengono ad una profondità comprese fra 500 e 1000 metri, gli unici segnali rilevabili in superficie sarebbero l'acqua che bolle e il galleggiamento di materiale vulcanico.

Si teme per un eventuale tsunami generato da una eruzione. Per quanto riguarda eventuali frane sui lati del vulcano e a possibili tsunami associati, prosegue l'esperto, i dati a disposizione non consentono di fornire stime, ma si può dire che “il collasso laterale di vulcani sommersi, qualora si verifichi, non è detto che produca tsunami”.
Anche se nei documenti geologici degli tsunami sulle coste tirreniche non vi sono evidenze di onde anomale ricollegabili a collassi laterali del Marsili, “non è detto - avverte - che nel futuro questi non si possano verificare, e quindi una valutazione della stabilità del vulcano deve essere fatta raccogliendo più dati anche sull'attività sismica e deformativa del vulcano”. Per Ventura, è perciò “assolutamente prioritario”: stimare la stabilità dei versanti del vulcano.

Spiagge invase dalle meduse blu: da Ostia alla Sardegna sino alla Calabria l' invasione della Velella Velella

#meduse #spiagge #mare

In questi giorni, sulla spiaggia di Ostia, e anche su alcune della Sardegna e della Calabria si sono riempite di meduse di colore blu.
Si chiamano velella velella, oppure "barchetta di san pietro", che sono approdate sulle nostre coste a causa del caldo africano delle settimane scorse.

Per fortuna non sono pericolose né per l' uomo né per gli animali: spiaggiate al sole vanno in liquefazione emanando anche un cattivo odore e uno strato appiccicoso. Come sappiamo, le meduse amano le acque calde, e le temperature recenti in effetti non sono state fredde.
Negli ultimi anni la temperatura dei mari è aumentata e quindi le meduse si sono spostate approdando nei nostri mari.Per fortuna queste meduse non sono urticanti, ma altre, come ad esempio la rhizostoma pulmo, invece sì. Dunque, per questa estate, occhi aperti!

mercoledì 20 maggio 2015

E' vero che il latte fa bene alle ossa?

martedì 19 maggio 2015

"Questi ragazzi sono troppo lenti, non sono in grado di imparare". Bigliettaio fa perdere treno a 7 ragazzi down in gita per Venezia

la compagnia di ragazzi dell' associazione

#sindromedidown #disabilità #discriminazione

«Siete lenti, la gente vuole prendere il treno in fretta, fatevi da parte».
Questo si sono sentiti dire un gruppo di sette ragazzi portatori di sindrome di Down mentre erano in fila alla biglietteria della stazione di Conegliano, in Veneto.
I giovani, di età compresa tra i 24 e 31 anni, sono stati costretti a prendere il regionale successivo, quasi due ore dopo.
Giunti a Mestre, lo spiacevole bis.
«Non posso farvi il biglietto per Venezia, perderei solo tempo», avrebbe detto un operatore di Trenitalia. Lo stesso dipendente, invece di stampare i biglietti ai ragazzi, si è poi rivolto all’accompagnatrice: «Lasci perdere, mi ascolti. Ho più esperienza di lei: questi ragazzi non sono in grado di imparare. Se fate voi il biglietto per loro fate un favore alla comunità».

Michele, uno dei ragazzi, dice "Sono down, mica scemo!".

Leggi l' incredibile vicenda all' articolo completo dal sito LaStampa.it al link
http://www.lastampa.it/2015/05/18/italia/cronache/siete-lenti-non-potete-fare-da-soli-cos-il-bigliettaio-fa-perdere-il-treno-ai-ragazzi-down-iy337x1MR1HfPYci77cZJM/pagina.html

sabato 16 maggio 2015

Scuola: la riforma di Renzi è utile o dannosa? L' analisi punto per punto del ddl scuola con i Pro e i Contro

#matteorenzi #scuola #jobsact #lavoro

di Lapenna Daniele

Ogni volta che viene creata una nuova legge, qualsiasi sia il governo, prima di partire gli elogi, sono le critiche a farne da padrone.
Personalmente cerco sempre le cose positive e quindi mi accingo a spulciare bene le nuove leggi e capire se veramente fanno schifo oppure qualcosina si salva.


Stavolta analizzo la riforma della scuola del Governo Renzi. Dopo le contestazioni ho cercato di capire perché si protesta e perché altri ritengono sia una buona riforma.
Le contestazioni che ho ascoltato nelle interviste, da parte dei politici dei partiti all' opposizione - da Brunetta, passando per Salvini sino a Di Battista - solo delle battute del tipo "Renzi fa l' eroe ma mette la testa sotto la sabbia" ( non ricordo le frasi ma erano di questo tipo ) o "Renzi vuole riformare, ma questo è solo un decreto disastroso e lui mangia il panino con la marmellata", insomma, delle frasi che non spiegano una mazza del perché loro si oppongono alla riforma.

Ciò che fanno molte persone ( e non parlo di politici ) è l' opporsi o lo schierarsi incondizionatamente. Ed è un grave errore. Bisogna capire le leggi e capire se siano buone o meno. Non è perché un politico X fa una legge, siccome quel politico X ha fatto sempre cagate di leggi, vuol dire che quella legge non abbia qualcosa di buono per qualcuno. Certo, può essere che questa sia inutile e favorisca sempre i soliti, ma è bene capirle e soprattutto informarsi. Se protesti senza neanche aver capito cosa propone una legge, sei il solito cittadino che si lamenta solo per il gusto di lamentarsi. 

Ho cercato quindi i punti dettagliati della proposta di legge riportando i pareri contro e favorevoli.
A voi le conclusioni .

venerdì 15 maggio 2015

Coniate settemila monete da un centesimo sbagliate: valgono 2.500 euro l'una

moneta 1 cent sbagliata
msn.com

ROMA –
Spesso i centesimi sono fastidiosi e considerati inutili, ma è bene controllare nel portafogli perché anche una semplice monetina da 1 centesimo potrebbe rendere qualcuno un po' più ricco.

Sul mercato sono stati infatti lanciati 7mila pezzi da un centesimo con la stampa della Mole Antonelliana invece di Castel del Monte ( la moneta a destra ).
Apparentemente non ci sarebbe niente di strano, se non fosse che il monumento simbolo di Torino non dovrebbe stare su un lato delle monetine da 1 centesimo, ma solo su quelle da 2 centesimi.
Questo errore tipografico ha innalzato il valore dello spicciolo:
gli esemplari in giro valgono 2.500 euro.

Cookie di profilazione spiegato ai non esperti. Ecco come devono comportarsi i blogger

#cookie #cookiediprofilazione #privacy #blogger #blog #sitiweb
di Lapenna Daniele

Diciamoci la verità: tutti i blogger del web hanno iniziato a preoccuparsi di questi cookie appena hanno letto l' importo delle multe a chi non si adegua alla Normativa. Peccato che ciò sia avvenuto in ritardo, visto che la stessa è entrata in vigore dall' 8 Maggio 2014 concedendo ben un anno di tempo per adeguarsi, ovvero sino al 2 Giugno 2015, oltre la qual data partono le multe.

Si tratta della Normativa "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" dell' 8 Maggio 2014 ( questo il documento completo - doc. n.3118884 )

Intanto in web sono cicciati fuori tantissimi post in merito ma, almeno quelli che ho letto io, nessuno ha specificato che i blogger semplici, ovvero coloro che scrivono per passione, che non hanno un vero sito web e neanche delle pubblicità nelle pagine, non c'è nulla da preoccuparsi.
Intanto, prima cercherò di spiegare in maniera più semplice possibile cosa sono i cookie, quali tipi di cookie esistono e come funzionano.
N.B.
Ricordo che i cookie esistono da decenni, e funzionano da sempre alla stessa maniera, quindi le notizie che apprenderete in questo articolo sulla vostra privacy, non sono nuove. Il tutto vale per chi usa un qualsiasi dispositivo per accedere a internet come computer, smartphone, tablet o altri.
Se non conoscevate i cookie, questa è un' occasione per comprenderli e capire dove finiscono i nostri dati personali.

mercoledì 13 maggio 2015

Hai una casa? Sai cucinare? Vuoi arrotondare con lo stipendio? Allora puoi aprirti un Home Restaurant, senza pagare le tasse di un ristorante

#homerestaurant #ristoranti #cibo #lavoro #fiscoetasse #alimentazione
di Lapenna Daniele

Ti piace cucinare, e quindi, quando sei a casa, eviti i cibi già pronti preparando tu stesso dei piatti gustosi.
Mettiamo tu decidessi di mettere annunci su internet ed invitare gente a casa tua per mangiare in compagnia. Bene. Mettiamo però che tu chieda un prezzo fisso, chessò, 25 euro a testa per una cena con primo, secondo, contorno e bevande. In pratica hai aperto un ristorante a casa tua. Tutto questo è legale (o almeno così pare) e si chiama "Home Restaurant", dove "home" significa casa. Quindi un ristorante a casa tua.
Ma come funziona?

COME FUNZIONA
Non bisogna chiedere autorizzazione al Comune, né all' Asl, e neanche è necessario avere un diploma di alberghiero né un attestato delle proprie capacità culinarie. Leggendo on line, si scopre che non bisogna superare i 5.000 euro annui altrimenti sono necessarie dichiarazioni e quindi pagamento di tasse o di relative sanzioni in caso di evasione.
Ma poi chi effettuerebbe controlli in case private sostenendo sia una cena a pagamento e non una rimpatriata di amici?
Il tutto è stato regolamentato dal disegno di legge N. 1612 del giugno 2009 ( Governo Berlusconi, XVI^ legislatura ) "Disposizioni in materia di promozione e di svolgimento dell’attività di home food".


venerdì 8 maggio 2015

Pedofilia: Don Seppia questo mese sarà scarcerato e tornerà in libertà. Sarà ospitato nella Congregazione di Gesù con un percorso di recupero

al centro, don Riccardo Seppia
#pedofilia #chiesa #minori #abusosuminori

Don Riccardo Seppia fu arrestato il 14 maggio 2011 e fu detenuto nel carcere di Sanremo con l' accusa di violenza sessuale su minore, tentata induzione alla prostituzione minorile, offerte plurime di stupefacenti a minori e cessione di cocaina ad un ex seminarista, E.A. che fu arrestato nell’ambito della stessa inchiesta.

Il 3 maggio 2012, prima della sentenza di primo grado, don Seppia aveva chiesto scusa «per il suo comportamento morale disdicevole». «Chiedo scusa - aveva detto - perché ho sbagliato a comportarmi in quel modo».
La Cassazione, a fine 2014, aveva in parte annullato la condanna a otto anni e mezzo di reclusione.

Questo mese, a causa della scadenza del limite massimo per la carcerazione preventiva, e non essendoci tempo per un ricorso in Cassazione, Don Seppia tornerà libero. Dove andrà?

Attualmente non è più sacerdote e quindi non è più "Don". Il cardinale Bagnasco ha individuato una  dell' ex parroco: Villa Iride, a Intra, frazione di Verbania, nella casa della Congregazione di Gesù. Questa è una sede che si pone come obiettivi « l' umiltà e la fiducia verso i preti che vivono particolari momenti di difficoltà » con lo scopo di « offrire un aiuto fraterno di conforto e di ripresa. Per essi allarghiamo i nostri spazi nell’accoglienza e nel dialogo offrendo anche ospitalità nelle nostre case, per quanto possibile. Cerchiamo di offrire anche un aiuto appropriato in campo spirituale e psicologico, con possibilità varie di una sana combinazione di lavoro e riposo ».

Secondo il canone 290 del Codice di diritto canonico però, la condizione sacerdotale non viene mai perduta: dopo essere stato validamente ricevuto, l’ordine sacro non può mai essere reso invalido.
Quindi Riccardo Seppia, al termine del suo percorso a Villa Iride, potrà continuare la sua vita da laico che ha terminato di espiare il suo debito con la giustizia, o da sacerdote se lui stesso lo chiederà alla Chiesa e se questi accetteranno di riammetterlo.

Intanto qui c'è un elenco dei preti pedofili condannati dal 2005 ad oggi

Italiacum: il partito che ne trae maggior beneficio? Il Movimento 5 Stelle

di Lapenna Daniele
#movimento5stelle #beppegrillo #italicum #politica #matteorenzi #pd #m5s

L' elettore medio non sa come funziona la Legge elettorale. Sa solo che va al seggio, vota, e chi piglia più voti vince.
Il resto,.. non conta.
La domanda però che molti si saranno fatti è: cos' ha di diverso l' Italicum rispetto alla vecchia legge elettorale? L' ha voluta il Pd, quindi favorirà il Pd. Oppure no?

Ho provato a cercare le motivazioni che indicano l' Italicum ( che entrerà in vigore dal Luglio 2016 e varrà solo per la Camera, in attesa di una legge per abolire il Senato ) come una pessima legge che favorisce solo i grandi partiti ma.. non l' ho trovata ( se qualcuno le ha, lo prego di riportarmele nei commenti e, possibilmente, se ci sono, con le fonti ).
Intanto ho beccato un articolo di Andrea Mollica dal sito di gadlerner.it. Leggiamo

"Beppe Grillo si è scagliato dal suo blog contro la riforma elettorale,definito il Nostalgicum in chiave mussoliniana, ma al di là della radicale critica a Sergio Mattarella non si scorge alcun elemento di vera novità. Il M5S sembra rinunciare all’ostruzionismo, parlamentare e mediatico, anche perchè in realtà è il partito che potenzialmente più beneficia dall’Italicum".

E come mai? Proseguiamo la lettura
"L’isolamento grillino potrebbe infatti pagare in una competizione basata sul premio di lista".
Nel senso che il fatto di presentarsi da soli alle elezioni, ovvero non in una lista di partiti come fanno gli altri due partiti, è un vantaggio aumentato con questa legge.
"Una legge elettorale che puntasse su coalizioni o candidati come il maggioritario uninominale di collegio sfavorirebbe il M5S".

ESEMPIO

mercoledì 6 maggio 2015

Il MoVimento 5 Stelle non ha mai restituito i 42 milioni di euro dei rimborsi elettorali. Ecco le prove

di Lapenna Daniele

Incappato in questo articolo di Giornalettismo, mi son chiesto se tutto ciò sia vero.

Beppe Grillo, leader del MoVimento 5 Stelle, e tutti i parlamentari, dicono di aver restituito i 42 milioni di euro ricevuti grazie al rimborso ai partiti politici.
Peccato che i soldi non li abbiano mai restituiti, anzi, non li hanno mai ricevuti.
Perché? Perché non ne avevano diritto.

STATUTO OBBLIGATORIO
Come spiegai nell' articolo inerente lo Statuto del M5S ( qui l' articolo ), sino al 2012 non era obbligatorio per un partito politico dotarsi di uno Statuto. Quando il M5S si è presentato al pubblico, Beppe Grillo riempiva le piazze e faceva supporre che avrebbe ottenuto ( come poi è avvenuto ) più consensi di quanto si potesse immaginare, nacque l' idea di una proposta di legge ( vuoi per mettergli i bastoni tra le ruote, vuoi per altri motivi ) che rendesse obbligatoria la presenza di uno Statuto. Il tutto, a pochi mesi dalle elezioni nazionali del 2013.

Così, con la Legge n.96 del 6 Luglio 2012, oltre a varie modifiche e precisazioni in merito ai partiti politici, fu reso obbligatorio uno Statuto.

Il M5s non ne aveva mai avuto uno, anzi, uno ce l' aveva, ma si trattava di un semplice elenco di regole di buon comportamento chiamato "Statuto-Non Statuto". Quindi doveva dotarsi subito di uno per poter partecipare alle elezioni imminenti.
Infatti il 18 dicembre 2012, appena due soli mesi prima delle elezioni e dopo la  modifica di legge approvata in parlamento, Beppe Grillo, suo nipote Enrico Grillo e il commercialista Enrico Maria Nadasi costituirono davanti ad un notaio l'associazione "Movimento Cinque Stelle" con tanto di Statuto ( ecco lo Statuto ufficiale del MoVimento 5 Stelle ).
Finalmente il M5s disponeva così di uno Statuto vero e proprio, uno statuto grazie al quale il Movimento aveva diritto ai rimborsi elettorali ai quali poi avrebbe rinunciato, secondo quanto ampiamente dichiarato prima e dopo le elezioni del 2013.

NIENTE DIRITTO AL RIMBORSO, NIENTE SOLDI RESTITUITI
ECCO LE PROVE

I brilli del 1° Maggio


Non sempre gli ubriachi viaggiano in auto o in moto ( per fortuna ), spesso vanno a piedi e creano situazioni buffe, con o senza danni per gli altri.

È successo di tutto nelle notti decisamente ad alta gradazione del ponte del Primo Maggio dove nel mirino dei carabinieri di Pesaro sono finite persone reduci dalle feste di venerdì scorso.

Cominciamo da un 35enne di Vismara che, barcollante, ha suonato al campanello della vicina pensando fosse il suo. L'uomo si era spogliato pronto per andare a letto quando la donna ha aperto e lo ha visto in mutande. A quel punto, ha chiamato i carabinieri che lo hanno condotto nel letto giusto.

A Montelabbate un marito tanto distratto quanto alticcio, invece, prima di uscire ha chiuso a chiave in casa la moglie rimasta "prigioniera" per tutta la sera. Verso mezzanotte, la donna, preoccupata, ha chiamato i carabinieri che, rintracciato l'uomo, lo hanno rimesso sulla retta via.

C'è ancora chi crede ciecamente alle notizie rifilate dai programmi Tv?

di Lapenna Daniele

Nella puntata di Striscia la Notizia il Gabibbo svela l' arcano del licenziamento in tronco degli inviati pugliesi Fabio e Mingo ( qui il video )
Abbiamo acclarato che il caso di qualche tempo fa della maga sudamericana non esiste e anche il caso del falso avvocato era una messa in scena. A noi già questo basta”.
Ma è la risposta dei due al chiarimento in diretta del Gabibbo che lascia un' alone di mistero ed anche sconcerto ( se ciò che viene sottointeso sia vero ).

Ci meravigliamo per il contenuto delle frasi riportate dal Gabibbo nella trasmissione di questa sera" replicano Fabio e Mingo "in quanto noi ci siamo sempre prodigati per rendere al meglio la nostra prestazione di attori nell’ambito dei servizi, prodotti esclusivamente nel rispetto delle precise indicazioni ricevute assecondando, sempre, gli autori del programma nella scelta e nelle modalità di esecuzione dei servizi stessi”.

QUALE VERITA'?
Dunque sono gli autori di Striscia la Notizia a chiedere di creare falsi servizi in caso di mancanza di notizie, oppure sono i due inviati ad aver alluso ( o forse leggiamo noi il significato della frase ) qualcosa che non c'è?


IL CASO STAMINA E LE IENE
Un pò come accadde col Caso Stamina ( anche se di staminali non c' era manco l' ombra ): fil programma televisivo Le Iene esaltò troppo il caso facendo alludere che fosse un vero metodo di cura e ci fossero di mezzo realmente delle cellule staminali atte a curare malattie neurogenerative. Alla fine il programma di Mediaset si scusò pubblicamente, Vannoni è stato smascherato e molte famiglie illuse finalmente conobbero la verità ( qui un articolo in dettaglio )

lunedì 4 maggio 2015

NoExpo,gli agenti "Potevamo fermare i black bloc,ma ce lo hanno impedito" - Ecco il Video dove gli agenti vengono fermati dal funzionario

"Ci sono stati dei momenti in cui tutti noi sapevamo che si potevano prendere, fermare. Ma il funzionario ha detto no. Era un ordine e noi agli ordini dobbiamo obbedire. Ci sono alcuni funzionari che i gradi sembrano averli vinti con i punti delle merendine".


Queste le parole di uno degli agenti, e al link sotto il video che mostra la scena dove vengono bloccati e dove molti di loro mostrano di non esser d' accordo.

Feroce la testimonianza di un agente di polizia in un'intervista a quotidiano.net.
"A un certo punto li avevamo chiusi in una piazza. In quel momento i black bloc si potevano bloccare, se ne potevano fermare parecchi. Bastava spostare un po' di uomini e si potevano chiudere del tutto. È vero che avremmo sguarnito il presidio verso la Scala, ma si poteva ridislocare solo una parte degli agenti", racconta l'uomo, osservando che "già dalla vigilia si sapeva che l'orientamento era di evitare il contatto a tutti i costi". "Fa rabbia vedere la gente che piange perché ha il negozio distrutto. La gente che ti chiede perché non li hai fermati", commenta l'agente.
"Veniamo addestrati per fare queste cose, ma se poi non le dobbiamo fare perché ci addestriamo?".

domenica 3 maggio 2015

L' etica della polizia: manifestante che distrugge, nessun attacco; manifestante disarmato, colpito e manganellato - VIDEO

Il procuratore aggiunto di Milano Maurizio Romanelli, capo del pool antiterrorismo che coordina le indagini sugli scontri del 1° Maggio a Milano dice
« Grazie al lavoro straordinario delle forze delle ordine e di chi era là in prima linea l'area dei disordini è rimasta circoscritta ».
Ottimo. Come dire "è stata una distruzione controllata".

Invece, il prefetto Alessandro Pansa, capo della Polizia, al Gr Rai ha spiegato la strategia tenuta sul campo dalle forze dell'ordine per contenere i manifestanti violenti
« È evidente che chi tira una molotov deve essere arrestato, ma ieri abbiamo valutato che non valeva la pena intervenire e arrestare perché avremmo creato danni ancora più gravi ».

É giusto quindi porsi una piccolissima domanda:

come mai il gruppo che ha devastato Milano, che era armato, ha distrutto di tutto, incendiato di tutto, è stato respinto dalla polizia con... dei fumogeni mentre in altre manifestazioni pacifiche, dove i manifestanti avevano solo degli scudi di cartapesta sono stati colpiti a ripetizione con i manganelli anche quando erano, a terra, disarmati?!
Intanto vedetevi prima questo video da YouReporter dove forse gli agenti non son d' accordo col comando del funzionario che invece intima a non fermare i teppisti....
Ecco una piccola analisi, corredata da tanti video ( presi tutti da YouTube ), dello strano agire della polizia.