Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

martedì 26 febbraio 2013

Cassazione: vietate le avances sui luoghi di lavoro, anche per scherzo. Condannato un impiegato che aveva usato con la collega l' epiteto "pornodiva"



ROMA -
Attenzione quando si scherza con le colleghe sul luogo di lavoro: una battuta pesante resta una battuta pesante e integra il reato di molestie sessuali, anche se viene fatta in un contesto scherzoso. E' quello che ha sentenziato la Corte di Cassazione, chiamata a decidere sul caso di un dipendente delle Poste, assolto in appello dall'accusa di molestie sessuali.
I FATTI - durante una fase di lavoro un collega dell'imputato ha fatto una battuta scherzosa e allusiva ad una collega, la quale ha risposto sorridendo. In questo contesto, l'imputato ha chiamato la collega "pornodiva"; ma lei si è risentita ed è scattata la denuncia. Durante il processo l'imputato si è dipeso sostenendo che il suo era un intento scherzoso, dato il clima che si era creato.
Nonostante questo, in primo grado era stato condannato a 400 euro di multa più il risarcimento danni alla collega; in secondo grado, davanti al giudice monocratico, era stato assolto in quanto il fatto non costituisce reato. La Cassazione ora ha deciso che la sentenza di secondo grado va annullata, in quanto il fatto che fosse uno scherzo non è una attenuante.

lunedì 25 febbraio 2013

Peggio un seno nudo, che un politico ladro

Arresto delle attiviste Femen che hanno protestato contro Berlusconi al seggio elettorale.
Crimine: aver urlato "Basta Berlusconi", strillando come galline.


Franco Fiorito:nel 2005 risulta condannato dalla Corte dei Conti a risarcire 3.000 € al Comune di Anagni
per aver impiegato denaro pubblico per finalità di auto-promozione nel periodo in cui era sindaco della città (2001-2005).
Rimane tranquillamente in carica.
Il 24 luglio 2012 Fiorito viene destituito (con 9 voti su 17) da capogruppo del PdL.
Il 12 Settembre 2012 è indagato ufficialmente per peculato: totale di denaro pubblico
in ballo 21 Milioni di euro.
Crimine: rubati 21 milioni di euro di soldi pubblici. I miei. I tuoi. I nostri.
Arrestarlo a calci in culo no? ( e se la ride pure.. chissà perché.. )

La piccola capretta allegra

Un pò di allegria per iniziare bene il lunedì.
Gustiamoci l' allegria di una piccola capretta"ballerina".

sabato 23 febbraio 2013

Votazioni 2013: consigli, considerazioni, auspici ( e vignette comiche )

Krancic - Grill

Non so se tu, lettore, leggerai tutto ciò che ho scritto. Avevo intenzione di scrivere una cosa breve, un piccolo pensiero, ma gli argomenti erano così tanti che è stato impossibile trattenerli nella mia mollosa massa grigiastra.

Le sacche che abbiamo nelle nostre mutande o nei reggiseni ( dipende dal sesso e/o dove si preferisce "accumulare" ) si sono riempite a dismisura con questa campagna elettorale. Sì.

Si sono riempite perché abbiamo ascoltato tutte le belle balle sparate dai politici in Tv, i Tg nazionali che hanno aggirato le interviste scomode ( vedi quella di Berlusconi con la D' Amico dove il TG5 non ha menzionato neanche che ci fosse stata - ti credo! Il Silvio sembrava un ragazzino che non aveva studiato all' interrogazione di matematica! ), i politici che hanno adottato dei cani per mostrare il loro spirito animalista, hanno chiesto a campioni dello sport ( "campionessa? ma chi cazzo è quella lì?" ), a cantanti dimenticati ( "ah, è vero! Quello cantava coso lì,.. la canzone della cosa.. " ), ad attori ( "ma.. è un attore? Ma va? Non lo sapevo! Acciderboli alla torta di carote con lo strutto" ), a registi ( "ah sì quello è coso.. sì,.. " ) di "arruolarsi" nel loro partito per dare credibilità ed ottenere voti da quella parte di cittadini che amano questi personaggi, ma non sanno per chi votare.

Politici che convincono che si potranno abbassare le tasse, togliere l' Imu, evitare l' aumento dell' Iva, creare posti di lavoro, ma senza aumentare il carico fiscale sul cittadino.
Utopia? No. Presa per il culo.
E quando qualcuno decide di dire

Giudici contro Equitalia: « irregolari migliaia di notifiche »


fonte iltirreno.gelocal.it

Al vaglio della Procura la denuncia sulle modalità di consegna quando il destinatario è irreperibile: deve avvenire attraverso il messo e non per Posta

LIVORNO - Migliaia di notifiche inviate da Equitalia ad altrettanti cittadini livornesi potrebbero risultare «irregolari» e quindi «nulle» nel caso in cui la Procura della Repubblica trovasse fondato l’esposto di Enrico Tribioli, professione perito industriale.

Al centro della denuncia spedita all’attenzione del procuratore capo Francesco De Leo venerdì mattina attraverso una raccomandata, le modalità attraverso cui la società di riscossione effettua la consegna delle cartelle esattoriali nel caso in cui il destinatario sia irreperibile.
Nella denuncia, infatti, si fa riferimento da un lato al comportamento del messo di Equitalia e dall’altro alla sentenza della Corte Costituzionale numero 258 del 22 novembre del 2012. È incrociando questi due dati che emergerebbero le presunte irregolarità. Secondo il perito, infatti, il messo di Equitalia a Livorno non notificherebbe gli avvisi ma con la scusa di non trovare i destinatari a casa o in ufficio li lascerebbe alla casa Comunale, sugli Scali Finocchietti, dove i destinatari sono costretti a rivolgersi per prendere visione della cartella dopo la comunicazione che gli arriva per Posta. «Anche questo metodo è incostituzionale».

Adesso toccherà alla Procura della Repubblica valutare la fondatezza dell’esposto e nel caso disporre degli accertamenti sulle modalità di consegna degli avvisi. «Da parte mia – conclude Tribioli –non c’è nessuna volontà di non pagare. Capisco – prosegue – che la contestazione nel suo contenuto sia giusta. Ma la modalità con la quale viene eseguita è incostituzionale».

venerdì 22 febbraio 2013

Cartelle pazze di Equitalia? Grazie alla manovra 2013 si possono cancellare. Ecco come compilare la Raccomandata da inviare ad Equitalia


fonte h24notizie.com

Oggi, le cartelle di pagamento di Equitalia possono essere sospese di fronte alla richiesta da parte del contribuente nel caso di vari problemi dell' ente creditore, venendo annullate in automatico.

La norma è inserita nella Legge di Stabilità 2013, a tutela del contribuente, contro il gran numero di cartelle pazze che giungono ai cittadini.
La nuova normativa introdotta fa sì che, in particolari condizioni, si possa chiedere ed ottenere l' immediata sospensione della riscossione da parte dell' ente.
Di fronte ai tantissimi commenti riportati nella sezione del Bollo Auto, spesso, di fronte a cifre eccessivamente alte, ma soprattutto in presenza di prescrizioni palesi, invitavo ad inviare una
Raccomandata RR all' ente riportando come la richiesta fosse illegittima.

Ora, la normativa ha confermato che questa azione è lecita e permette di annullare completamente
la cartella di pagamento di Equitalia inviata ingiustamente al cittadino.

Ciò avviene nei seguenti casi:

- cartella esattoriale soggetta a  prescrizione o decadenza del diritto di credito, intervenuta in data antecedente a quella in cui il ruolo è reso esecutivo

- sussistenza di un provvedimento di sgravio

Il pesce NON fa bene alla salute. Uno studio mostra come gli Omega 3 contenuti nei prodotti ittici venga "distrutto" dalla presenza di metalli contenuti negli animali marini


fonte mondoinformazione.com

Numerosi studi hanno evidenziato le proprietà terapeutiche e protettive del pesce ricco di grassi omega 3 (salmone e tonno ad esempio) nei confronti delle malattie cardio vascolari (infarto ed ictus) e neuro degenerative (es: degenerazione maculare senile).

Tuttavia un recente studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition ha evidenziato che queste proprietà sono annullate dalla presenza nel pesce di metalli pesanti (in particolare il mercurio), ed anzi si osserva un aumento del rischio cardiovascolare.

In realtà questo è uno dei tanti studi che denuncia gli effetti tossici dell’accumulo cronico dei metalli pesanti; basti ricordare che l’OMS nel 2008 ha dichiarato che il 25% di tutte le malattie esistenti è causato dall’accumulo di metalli tossici ( alcuni studiosi vorrebbero innalzare tale percentuale ).

Alcune possibili malattie ( studi in corso ) legate all’accumulo cronico ( anche 20-30 anni ) dei metalli pesanti:

- fibromialgia (dolori diffusi, ansia e depressione)
- sclerosi multipla
- autismo
- osteoporosi
- tumori
- depressione
- obesità bambini
- tossicodipendenza

La responsabilità della presenza in mare, e quindi nei pesci, di mercurio, è da imputarsi agli scarichi industriali; da qui la provocazione: ‘il pesce fa bene all’uomo, ma non è vero il contrario’!

giovedì 21 febbraio 2013

Banchiere in Ferrari ruba cibo ai poveri: è polemica - VIDEO



Campagna shock di una ong svizzera contro i nuovi padroni del vapore.
Nel video un banchiere arriva in un villaggio sudafricano a bordo di una Ferrari,
si avvicina a una famiglia povera e gli strappa il cibo dalle mani.
"Volevamo dimostrare che l'avidita' dei banchieri é tale che sono disposti a togliere il pane di bocca anche ai più poveri tra i poveri", spiega Andrea Arezina, della ong svizzera Solidar Suisse

Lettera rimborso Imu Berlusconi: anziani in fila alle poste per chiedere i moduli sul rimborso della tassa sulla casa


fonte genova.repubblica.it

Decine di pensionati si presentano ai centri di assistenza di Cgil-Cisl e Uil e agli uffici postali mostrando la missiva inviata dall'ex premier e chiedendo i moduli per ottenere il risarcimento dell'imposta. Appello dei sindacati: è un messaggio elettorale, non perdete tempo

I primi sono arrivati alla mattina e al Caf della Cgil quasi si stentava a crederci. «Scusi, mi date il modulo per riavere indietro l’Imu?» hanno chiesto due anziane signore. E’ bastato un attimo per capire che più d’uno era caduto nella trappola della lettera firmata dal leader del Pdl Silvio Berlusconi che si concludeva appunto con la promessa del rimborso Imu 2012 sulla prima casa e sui terreni e i fabbricati agricoli.
A fine giornata le segreterie sindacali hanno fatto il conto, arrivando a parecchie decine di genovesi, per lo più anziani, che si sono rivolte ai Caf e agli uffici postali della città.

«Ci sono due chiavi di lettura di questo episodio — commenta il responsabile dei Caf genovesi della Cgil Renato Zini — La prima riguarda il rapporto fiduciario che soprattutto gli anziani hanno con noi e che li spinge a chiedere informazioni di fronte a cose che non appaiono subito chiare. La seconda è la convinzione di qualcuno che, invece, esistano già dei moduli prestampati per chiedere e ottenere il rimborso dell’Imu, così come promesso da Berlusconi».

Il fenomeno ha spinto le segreterie genovesi di Cgil, Cisl e Uil a diffondere in serata un comunicato stampa per informare «tutti i cittadini che allo stato attuale non è previsto alcun rimborso Imu sulle somme regolarmente dovute secondo l’attuale normativa». In effetti, proseguono i rappresentanti dei lavoratori, «la lettera pervenuta ai cittadini contiene un messaggio
elettorale che induce il lettore alla convinzione che si possa realmente ottenere una qualche forma di rimborso. Chi si reca presso le nostre strutture infatti chiede di entrare in possesso di una presunta modulistica per l’ottenimento del rimborso o comunque informazioni in merito. Al fine di evitare perdite di tempo, Cgil, Cisl e Uil invitano i cittadini a non recarsi presso le sedi sindacali a seguito del ricevimento di questa lettera contenente un messaggio elettorale».

La potenza del tacco: tabaccaia reagisce a rapina e colpisce con il tacco della scarpa il ladro: è grave


fonte
lagazzettadelmezzogiorno.it

TARANTO – Una tabaccaia di 43 anni ha reagito ad una rapina colpendo con il tacco della scarpa uno dei tre malfattori che le avevano sottratto 5mila euro. L’uomo, di 35 anni, è stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale Santissima Annunziata. Gli altri due complici sono riusciti a fuggire con il bottino. La rapina è avvenuta ieri sera.

I tre banditi hanno atteso la tabaccaia nel portone del suo palazzo e quando la donna è entrata l’hanno aggredita sottraendole la borsa con l’incasso del negozio. La commerciante ha reagito colpendo alla testa con la scarpa uno dei malfattori, trasportato successivamente in ospedale per un grave trauma cranico commotivo. Indagano i carabinieri di Taranto.

mercoledì 20 febbraio 2013

ESCLUSIVO: la lettera completa del rimborso all' IMU inviata da Berlusconi: "l' Imu verrà restituita dal sottoscritto!" e "il voto dato ai vari Casini, Fini, Monti, Grillo è un voto regalato alla sinistra e non deve esser disperso,sciupato"


Clicca sulle immagini per ingrandirle.
Ecco la lettera ( per chi non l' avesse ricevuta ) inviata da Silvio Berlusconi
col tentativo di corrompere i cittadini ed invitare a votarlo.
Da leggere e mettersi le mani nei capelli..

Babe sfugge ai poliziotti rendendoli ridicoli - VIDEO

martedì 19 febbraio 2013

SCANDALOSO: Berlusconi invia lettere ai cittadini con la proposta "Tu voti me, ed io ti restituirò l' IMU". Ecco una delle lettere giunte ai cittadini. E' o no un tentativo di CORRUZIONE

Ecco il tentativo di corruzione attuato dall' ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi, per convincere gli italiani a votare il suo partito.

La lettera è giunta al papà di una ragazza, Mariachiara Verrigni, e lei ha postato la foto su Facebook rendendola pubblica a tutti, in modo da mostrare il tentativo di corrompere i cittadini con una specie di "scambio": tu voti Pdl, ed io toglierò l' Imu, l' Irap, l' Iva, le tasse sui terreni, tasse su tasse, riempiendo le tasche degli italiani.


La notizia è esplosa e subito corre sul social network tra le varie pagine.


Ecco un anticipo della lettera.
I due fogli completi ( se volete leggerli ) li trovate in quest' altro articolo "ESCLUSIVO: la lettera completa del rimborso all' IMU inviata da Berlusconi: "l' Imu verrà restituita dal sottoscritto!" e "il voto dato ai vari Casini, Fini, Monti, Grillo è un voto regalato alla sinistra e non deve esser disperso,sciupato" "



"Caro Marcello,

come Lei sa, il nostro programma, oltre ai provvedimenti per far subito ripartire l' industria e all' abolizione del finanziamento pubblico ai partiti*, prevede e garantisce un consistente pacchetto di riduzioni fiscali:
l' abolizione dell' Imu sulla prima casa e sui terreni e fabbricati agricoli, la riduzione graduale sino all' eliminazione dell' Irap, nessun aumento dell' Iva, nessuna imposta patrimoniale sui risparmi.
E' una impostazione totalmente diversa sia da quella dei cosiddetti responsabili degli inasprimenti fiscali dell' ultimo anno ( e in particolare ...
"


*
Questa ridicola proposta era stata enunciata da Berlusconi in vari programmi, anche in quello condotto dalla presentatrice Ilaria D' Amico: peccato che, in quella occasione, alla domanda "Restituirete i soldi che avete usato per queste elezioni?" l' ex premier aggirava la domanda, ripetendo che faranno una legge per togliere i finanziamenti ai partiti. La penosa figura di Berlusconi la si può godere in questo video su YouTube.

Non fate sapere agli italiani cosa accade in Grecia: assalti a banche e supermercati, furti di energia elettrica e giovani ribelli picchiati dalla polizia che nasconde le prove dei pestaggi


fonte abruzzo24ore.tv
 

La Grecia è crollata sotto il peso dei debiti contratti con la Bce , ma in Italia nessuno ne parla perche' siamo in campagna elettorale, l'attenzione dei media e' stata spostata sulle dimissioni del Papa,mentre l'Europa brucia!
Stanno assaltando i supermercati.
Ma non si tratta di banditi armati. Si tratta di gente inviperita e affamata, che non impugna neanche una pistola, con la complicità dei commessi che dicono loro “prendete quello che volete, noi facciamo finta di niente”.

Si tratta della rivolta di 150 imprenditori agricoli, produttori di agrumi, che si sono rfiutati categoricamente di distruggere tonnellate di arance e limoni per calmierare i prezzi, come richiesto dall’Unione Europea.

Hanno preso la frutta, l’hanno caricata sui camion e sono andati nelle piazze della città con il megafono, regalandola alla gente, raccontando come stanno le cose.

Si tratta di 200 produttori agricoli, ex proprietari di caseifici, che da padroni della propria azienda sono diventati impiegati della multinazionale bavarese Muller che si è appropriata delle loro aziende indebitate, acquistandole per pochi euro sorretta dal credito agevolato bancario,quelli hanno preso i loro prodotti della settimana, circa 40.000 vasetti di yogurt (l’eccellenza del made in Greece, il più buon yogurt del mondo da sempre) li hanno caricati sui camion e invece di portarli al Pireo per imbarcarli verso il mercato continentale della grande distribuzione, li hanno regalati alla popolazione andandoli a distribuire davanti alle scuole e agli ospedali.

Si tratta anche di due movimenti anarchici locali, che si sono organizzati e sono passati alle vie di fatto: basta cortei e proteste, si va a rapinare le banche: nelle ultime cinque settimane le rapine sono aumentate del  600% rispetto a un anno fa.

Rubano ciò che possono e poi lo dividono con la gente che va a fare la spesa. I poliziotti sono

venerdì 15 febbraio 2013

Torino, corteo studentesco. Il sottoufficiale ai colleghi "Preparatevi, dobbiamo rompergli il culo. Oggi la pagheranno per tutto". Alla scena hanno assistito passanti e giornalisti. L' abuso di potere delle forze dell' ordine continua


L' articolo è di Andrea Doi, da  nuovasocieta.it

Torino, via Pietro Micca angolo via Roma.
15 febbraio, ore 10.
Il centro si è svegliato circondato da blindati delle forze dell'ordine e da numerosi plotoni di polizia e carabinieri. È il giorno del corteo studentesco, contro austerità e riforme, che da piazza Albarello percorrerà le vie principali del capoluogo piemontese. In lontananza si vedono il furgone con la consueta musica (mi sembra che le note siano quelle di un rapper militante) e alcune teste dei giovani. Ancora pochi minuti e arriveranno in quest'angolo.

Il cronista è lì che aspetta, mischiato alle uniformi blu dei reparti mobili, tutti in assetto antisommossa.
Che ci sia tensione lo si capisce non tanto dal corteo che si sta avvicinando lentamente, ma dal nervosismo che serpeggia tra i poliziotti.
Eccoli schierati, visiera del casco abbassata, scudo già alto, in posizione di difesa.

Poi un sottoufficiale viene chiamato da un graduato. Parlottano quasi all'orecchio. Alla fine del dialogo sommesso il sottoufficiale si avvicina alla truppa, fa alzare le visiere a tutti quanti e con fare molto simile al sergente maggiore Hartman di Full Metal Jacket" urla: «Fate attenzione, mi raccomando, stanno arrivando quelli della Val di Susa. Oggi dobbiamo rompergli il culo».
Dopodiché si volta, guarda l'ufficiale quasi volesse un cenno di assenso, riguarda i suoi uomini uno a uno, scorre con il dito i loro volti e poi continua: «Avete capito? Sono quelli della Valsusa, oggi la pagano per tutto».

Fine del dialogo.

Alza i tacchi e torna dall'ufficiale, mentre i "celerini", come venivano chiamati un tempo gli uomini dei reparti mobili, riabbassano la visiera del casco e si preparano.
Dieci minuti dopo. Passa il corteo degli studenti, circa mille giovani, e

La nave da crociera Carnival Triumph torna a casa dopo sei giorni da incubo: dopo un' esplosione in sala macchine, i 3000 passeggeri sono rimasti senza cibo con escrementi in giro per i corridoi


fonti Euronews.it/YouTubeVideo
AffariItaliani.lobero.it

Gioia per aver toccato terra, indignazione per l'Odissea vissuta in mare. Agrodolci i primi commenti a caldo degli oltre 3.000 passeggeri della nave da crociera Carnival Triumph, al suo attracco in Alabama.

Molti di loro danno soprattutto voce alle precarie condizioni d'igiene causate dal black-out elettrico, provocato da un incendio nella sala macchine, che domenica aveva mandato in avaria i motori della nave da crociera.

"Raggiungere il bar era impossibile - racconta indignata una donna -: il pavimento era ricoperto di escrementi e per attraversare la sala bisognava camminarci dentro. Era davvero rivoltante. Abbiamo cercato di non mangiare".

"L'odore era disgustoso, insopportabile - le fa eco un'altra passeggera -. E col passare del tempo non faceva che peggiorare. Più che una vacanza, èstata una lotta per la sopravvivenza".
"Avrebbe potuto risolversi in una catastrofe - dice un'altra -. E' un miracolo che non abbiamo finito per bruciare vivi. Ci hanno detto di andare al letto tranquilli, proprio quando tutti gli allarmi suonavano per l'incendio".

Tutto è cominciato sabato scorso, quando un incendio alla sala macchine ha reso inutilizzabili i motori.
La nave è rimasta in balia delle correnti del Golfo fino alla notte di giovedì, quando è arrivato l'attracco al porto di Mobile, in Alabama. La Triumph ci è arrivata grazie al soccorso dei rimorchiatori. Una flottiglia di mezzi l'ha agganciata ed è riuscita a trascinarla nonstante le condizioni meteo non favorevoli.
Una nave divenuta puzzolente in poche ore. L'esplosione ha mandato fuori uso i motori e ha fatto saltare l'energia elettrico e il sistema di scarico. In rapida sequenza hanno smesso di funzionare ascensori, toilettes, cucine, i sistemi di comunicazione, le luci di servizio, l'aria condizionata e tutti gli altri servizi della nave. I wc hanno "straripato" sulla moquette delle cabine, dei corridoi, degli ingressi. Il cibo è divenuto subito scarso. Sei giorni senza cibo in condizioni disumane.

Messi fuori uso anche impianto di aerazione e sistema di ristorazione, le fiamme hanno costretto a improvvisare giacigli nei corridoi e sui ponti.
Un rimborso integrale di viaggio e ritorno a casa a tutti i passeggeri, il primo passo annunciato dalla compagnia.

mercoledì 13 febbraio 2013

Social Card in Sardegna: il consiglio boccia il sostegno del governo e punta il dito contro l' ex governo Berlusconi "E' stato il suo governo ad inserire la clausola dei 250mila abitanti escludendo così la Sardegna"



fonte sardegnareporter.it

Ecco come è andata la votazione per richiedere al Governo che la Social Card includa anche la Sardegna, esclusa ingiustamente dacché, a dispetto degli anni passati, quest' anno i sostegni economici puntano sulle Regioni con città aventi un numero di abitanti superiore ai 250mila ( Cagliari nei ha 155.887 ).

"Abbiamo votato contro a un ordine del giorno populista e demagogico perché per le cittadine e i cittadini in difficoltà non vogliamo semplici azioni di carità.
Quello che serve sono percorsi strutturati e soluzioni complessive, non elemosine: pensiamo, ad esempio, al reddito minimo garantito già previsto nel programma della coalizione di centrosinistra che si candida a governare il Paese.
C'è dell'altro: non accettiamo lezioni da chi prima istituisce provvedimenti, per quanto offensivi, e poi li ritira. Perché, come ha riferito il sindaco Zedda in Aula riportando una risposta del ministero sulla situazione di Cagliari, è stato proprio il governo Berlusconi, che il consigliere Porcelli ha sostenuto, ad escludere Cagliari dal programma, in quanto città con meno di 250mila abitanti"

Di certo, se avrebbero votato positivamente, quel centinaio di euro non sarebbero stati rifiutati dai poveri della Sardegna. Ora vorrei vedere che cosa si inventeranno per sostenere le fasce più deboli.
Le chiacchiere stanno a zero.

martedì 12 febbraio 2013

Dolori intercostali: le cause. Spesso vengono scambiati come dolori provenienti dal cuore


fonte salute.pourfemme.it

Capita più o meno a tutti di percepire, ogni tanto, dei dolori intercostali, continui o intermittenti, che ci possono mettere in ansia. Si tratta di un sintomo estremamente generico che può essere originato da diversi problemi, nella maggior parte dei casi non gravi.
Il primo pensiero, quando arrivano improvvise fitte dolorose nella zona superiore dell’addome, in corrispondenza della gabbia toracica,
è che ci sia un problema al cuore.
Ma non sempre, e non solo questo genere di dolori ha a che vedere con il muscolo principale del nostro corpo, infatti non di rado si tratta di dolori riflessi, che in realtà sono localizzabili in altri organi interni, o hanno a che vedere con le ossa. Bisogna poi individuare di che tipo di dolori intercostali stiamo parlando, se concentrati nel petto, se collegati con il respiro, se acuti o sordi. Vediamo meglio quali possono essere le cause.

COSA SONO I DOLORI INTERCOSTALI ?

I dolori intercostali sono presenti nella sintomatologia di moltissime patologie, e per questo è importante stabilirne la causa lavorando un po’ “per eliminazione”.
Il medico con una visita non è certo in grado di individuare subito il problema all’origine, perciò potrebbe decidere di prescrivere una serie di analisi ed esami che possano arrivare fino alla causa specifica del disturbo. In linea generale, la definizione di dolori intercostali individua una gamma di patologie che interessano il tronco del corpo umano dal collo fino all’ombelico, con fulcro centrale nella gabbia toracica. Di dolori intercostali possono soffrire anche i bambini, spesso si tratta, nel loro caso, dei classici dolori di crescita, ma qualche volta possono essere spia di problemi alla colonna vertebrale. In gravidanza, invece, dolori intercostali possono essere provocati dalle modifiche dell’addome e dalla spinta in alto dell’utero che comprime gli organi della digestione. Infine, ci sono dei casi in cui dolori intercostali siano legati a stati di ansia, ad attacchi di panico o nevrosi, quindi a cause non organiche ma psicologiche. Naturalmente si potrà arrivare ad una diagnosi di questo tipo solo dopo aver escluso in modo assoluto che l’origine sia di ordine fisico. Cominciamo con l’elencare le principali cause ossee dei dolori intercostali.
Cause ossee e articolari
I dolori intercostali possono essere originati da problemi ossei. Essi possono essere:

Il vero motivo delle dimissioni di Papa Benedetto XVI

clicca per ingrandire

lunedì 11 febbraio 2013

Scoperta cura per il cancro senza l' uso della chemioterapia. Lo studio è stato effettuato dalla ricercatrice Roberta Benetti dell' Università di Udine


fonte accademiadelmonferrato.com

Roberta Benetti è la ricercatrice italiana che ha scoperto le molecole che bloccano la proliferazione tumorale e che, aggredendo soltanto le cellule malate, potranno rappresentare l’alternativa alla chemio e alla radioterapia: la soluzione, quindi, è quella di autoproteggersi dai tumori con l’aiuto di molecole prodotte dall’organismo umano.

Una cura che – tra qualche anno – potrebbe eliminare la chemio e la radioterapia. La strada a questo tipo di cure è stata aperta dall’Università di Udine grazie a uno studio guidato dalla ricercatrice monfalconese Roberta Benetti; studio che pubblicato sulla pretsigiosa rivista interrnazionale Cancer Research dell’American Association for Cancer Research, una delle più prestigiose a livello mondiale del settore.

Lo studio è stato pubblicato mercoledì e spiega del successo ottenuto dal gruppo della facoltà di Medicina dell’ateneo di Udine. «In particolare, – spiega l’Università – la ricerca ha per la prima volta dimostrato che una delle molecole microRna, precisamente la miR-335, è direttamente responsabile nel controllo, della generazione e delle funzioni dell’oncosoppressore Rb, gene coinvolto nella protezione dello sviluppo dei tumori. Inoltre, nello studio si evince che l’espressione della miR-335 influisce in modo diretto nel bilanciare il delicato equilibrio di protezione contro lo sviluppo tumorale, perché intacca attraverso l’indiretta influenza anche sull’oncosoppressore p53, gli effetti di due fondamentali proteine note per essere deregolate nella genesi dei tumori».

Lo studio è stato realizzato grazie al fondamentale sostegno dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc). Il gruppo di ricerca guidato da  Roberta Benetti è composto

venerdì 8 febbraio 2013

Attenti al cane. Anzi, no. Attenti al politico!


Adolf Hitler con il suo bel cagnolino fedele che lo seguì sino alla morte
( da lui decisa - omicidio suicidio nel lontano 1945 ).
Vi ricorda qualcuno?


giovedì 7 febbraio 2013

Grecia: agricoltori protestano distribuendo cibo gratis

mercoledì 6 febbraio 2013

La margarina uccide, il burro no

fote benessere.guidone.it
Una notizia che farà discutere e che leverà polemiche da tutte le parti. Eppure è una ricerca vera, uno studio scientifico con tanto di prove e riscontri.
La ricerca in grande stile che ha coinvolto atenei e istituti scientifici in Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti
e che ha certificato che i grassi vegetali Omega6 sono più dannosi di quelli animali.

Sono stati osservati, nello specifico, 458 uomini di età compresa tra i 30 ei 59 anni, tutti con problemi di coronarie o reduci da attacchi cardiaci anche gravi. Il gruppo seguiva una dieta standard medica ben precisa, ma alcuni avevano ricevuto in più delle istruzioni guidate su come utilizzare i grassi nell’alimentazione. Dovevano consumare margarina (contenente olio liquido di cartamo e olio di cartamo polinsaturo) invece del burro.
Durante i 4 anni di studio, i pazienti dovevano redigere un diario e dovevano sottoporsi a controlli del sangue periodici. I valori di base (trigliceridi, l’indice di massa corporea e pressione arteriosa) non erano variati in modo sensibile tra i due gruppi, ma coloro che avevano usato la margarina nella loro alimentazione pur avendo perso qualche chilo avevano rischiato di morire più di una volta.
Anche la registrazione dei decessi già avvenuti nel corso dello studio aveva visto morire più persone tra coloro che sostituivano il burro con la margarina.
Dunque, secondo questa ricerca, lo studio sull’efficacia degli Omega6 nelle diete andrebbe rivisto, poiché se è vero che fa bene al peso in eccesso mette in serio pericolo il cuore.

martedì 5 febbraio 2013

Oscurato il sito Donwloadzoneforum.net: film, musica e software scaricabili illegalmente dal 2008


fonte milano.repubblica.it

La guardia di finanza, su ordine della Procura della Repubblica di Monza, ha sequestrato e oscurato il più noto portale pirata italiano dedito alla diffusione di contenuti multimediali di ogni genere: musica, film, videogiochi, software e prodotti editoriali. Lo rende noto il comando provinciale di Milano, che ha messo a segno l'operazione denominata 'Divina commedia'.

Il sito in questione, Donwloadzoneforum.net, operativo dal 2008, consentiva agli utenti registrati di ottenere gratuitamente link da utilizzare per il download di opere protette da diritti d'autore per un totale di circa 55.000 tra file audiovisivi, software e videogiochi anche recentissimi. Solo nel 2012 vi sono stati oltre 20 milioni di visitatori e più di 130 milioni di pagine del sito visualizzate. Tra i file più scaricati (1.143 copie) anche la compilation Italia loves Emilia, incisa per aiutare le popolazioni terremotate.

I finanzieri di Paderno Dugnano (Milano) hanno ricostruito l'attività illecita del sito, individuato gli indirizzi ip 'camuffati', rintracciato in Olanda il server di supporto al portale e sono riusciti a identificare e a denunciare alla magistratura i due amministratori del sito. Le Fiamme gialle si sono avvalse dell'ausilio tecnico di numerose associazioni di categoria.

Berlusconi restituirà i magici anni '80


lunedì 4 febbraio 2013

Autogrill ed il ricatto ai dipendenti. Il gruppo gestito dai Benetton chiede ai lavoratori di scegliere fra il dimezzamento dello stipendio con spostamento e la perdita del posto di lavoro


Leggi la notizia completa su espresso.repubblica.it

"Questa volta dobbiamo essere disposti a tutto: 
io mi metto pure in mezzo all'autostrada e mi faccio arrestare, se può servire. Dobbiamo fermarli".
A parlare è la lavoratrice di un Autogrill del Chianti, uno dei ristoranti storici del gruppo controllato dai Benetton, dove addirittura gli apprendisti del bancone vengono mandati a fare pratica.
Se i settanta licenziamenti decisi l'anno scorso, dopo gli scioperi e gli articoli sui giornali, alla fine sono stati ritirati, a questo giro l'azienda è ripartita in quarta,
e sembra davvero fare sul serio. La doccia gelata è arrivata via fax al sindacato, venti pagine fitte di dati sulla crisi della celebre "A con il baffo" e una sola conclusione: dobbiamo licenziare 140 persone, e tutte nelle stazioni autostradali. Ma c'è una svolta "marchionniana" non da poco nella nuova strategia scelta dalla multinazionale del fast food: nella procedura di licenziamento è contenuta l'offerta di uno "scambio", indirizzata singolarmente a ogni lavoratore, che potrà "scegliere" di conservare il posto.
Piccolo particolare: dovrà accettare il trasferimento a un diverso locale, posto entro 50 chilometri di distanza, e soprattutto il passaggio dal full time a un part-time di 20 ore.
In pratica, vedersi dimezzata la busta paga, da 1000-1200 euro a 500-600 al mese.

sabato 2 febbraio 2013

I bambini aiutano a combattere la crisi

Clicca sull' immagine per ingrandire