Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 12 ottobre 2012

La Cassazione condanna Equitalia: il contribuente ha diritto a ricevere le cartelle esattoriali complete ed integrali

Sentenza importante quella dei giudici di Roma:
il contribuente avrà diritto a conoscere l'intero contenuto della cartella esattoriale, al posto del semplice estratto di ruolo. Ne parlano con noi il presidente di NoiConsumatori, Angelo Pisani, e il presidente di Federconsumatori Campania, Rosario Stornaiuolo.


Strano destino quello di Equitalia: se ne parla molto per dire, spesso, ben poco. Quello che viene da molti definito come il “braccio armato” dell'Agenzia delle Entrate sopraggiunge all'onore delle cronache solo nel momento in cui subisce attacchi dinamitardi o invia cartelle assai strambe, come quella notificata a un 12enne che avrebbe contratto debiti fin prima dalla sua nascita. Meno spesso se ne parla riguardo alle sentenze giuridiche, quelle che potrebbero determinare una seria e concreta svolta nelle pratiche e nei metodi dell'ente diretto da Attilio Befera. Ultimo esempio, in ordine di tempo, è la condanna subita in Cassazione a fine settembre, dopo la sentenza emessa dalla Commissione Tributaria di Genova nella prima metà degli anni Duemila. Tale sentenza prevedeva l'annullamento di migliaia di cartelle, del valore di oltre 400mila euro, emesse nei confronti di alcuni cittadini. Il motivo: non erano chiare le motivazioni del pagamento all'erario.

L' ESTRATTO DI RUOLO: COS'È?
La contestazione dei contribuenti si basava su di un punto fondante: Equitalia, nei casi in questione, aveva recapitato solo gli estratti di ruolo, vale a dire il semplice elenco delle somme dovute all'erario da parte di ogni singolo contribuente. «Il ruolosecondo il portale giuridico di assistenza tributaria 101professionisti.it è oggi lo strumento principale per la riscossione coattiva delle entrate dello Stato e degli altri enti pubblici». Ciò significa che nessun ente di Stato (in particolar modo Equitalia) si è mai preso la briga di inviare le cartelle complete e integrali all'indirizzo del contribuente. Una mossa che sarebbe lecito definire poco chiara e trasparente, ma di cui l'ente dell'Agenzia delle Entrate ha sempre fatto un utilizzo parecchio abbondante. Per tale motivo la sentenza della Cassazione (emessa, vale la pena sottolinearlo, dopo un ricorso presentato dalla stessa Equitalia) può definirsi, senza timore di esagerare, storica. A parlarcene è l'avvocato Angelo Pisani, presidente di Noiconsumatori, comitato anti-Equitalia, nonché dell'ottava Municipalità di Napoli.

Ecco il link dove guardare le interviste al presidente nazionale di Noi Consumatori l'avv. Angelo Pisani ed a Rosario Stornaiuolo, presidente Federconsumatori Campania:
http://www.campaniasuweb.it/story/cassazione-condanna-equitalia-vengano-chiariti-metodi-riscossione-inchiesta

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie