Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 26 settembre 2012

Spagna: diecimila manifestanti chiedono dimissioni del Governo. Polizia prende a manganellate manifestanti,uomini e donne,disarmati.In Italia i giornali e Tg in Tv tacciono




















Ieri, nessun telegiornale in Tv ne ha parlato. Stamattina, solo un abbozzo in qualche testata.
Sembra non esser successo nulla in Spagna ieri. Eppure, circa diecimila persone ( il governo ne stima
6mila ) sono scese in piazza per chiedere le dimissioni delle autorità del Governo.
Hanno iniziato a protestare pacificamente, poi, alcuni manifestanti hanno sfondato le barriere che
erano state poste dalla polizia per non farli avvicinare al Parlamento.

I poliziotti hanno usato proiettili di gomma per disperdere la folla, ma soprattutto manganellate.
Oltre all' articolo abbastanza dettagliato di Repubblica nessun altro organo d' informazione ha riportato la notizia, se non in due righe, e gettata tra le notizie "esteri", e neanche in prima pagina.

In questo video di ansa.it al minuto 00:48, si vede, in basso a sinistra dello schermo,un manifestante disarmato circondato dai poliziotti che lo colpiscono violentemente a manganellate.

Questo video è invece il servizio commentato dai giornalisti di ansa.it. Però, il video dove si vede meglio cosa fa la polizia invece di stare col popolo, è quello del quotidiano spagnolo El Mundo.
Ecco il video orribile
di cosa accade ai manifestanti.

C'è anche una ragazza, sempre disarmata, fermata e colpita con violenza.

OMERTA' E DITTATURA ITALIANA
Piango di compassione per chi, e sono tantissimi in Italia per via del dilagante analfabetismo degli
over 50, credono ancora ciecamente a ciò che accade in Tv e sui giornali su carta.
Sono tutti manipolati, controllati, spudoratamente da direttori che seguono le linee del Governo.
Proprio come accadeva durante l' epoca del fascismo.
Nessuno ha ancora capito che SIAMO ANCORA IN UNA DITTATURA:
dittatura politica soft, dove viene detta la bugia in un modo pacato che pare verità.
Dittatura giornalistica, dove si informa il cittadino solo di ciò che si preferisce informare, tra l' altro anche con notizie spudoratamente false o modificate di proposito. Dittatura finanziaria, dove la finanza comanda la politica, e la politica si fa comandare dalla finanza, la moneta diventa un pezzo di carta senza potere, le leggi sulla finanza traballano o non ci sono, e chi ci guadagna, è sempre chi gestisce il denaro.. Dittatura di informazione,come scritto sopra, dittatura medica, dove costringono, con belle parole, i pazienti ad imbottirsi di medicine, per far stare le persone sul filo sottile teso fra vita e morte, in modo da far guadagnare chi guadagna, e tenere vivo, ma non guarito, il paziente.
I grandi, sono cresciuti con l' idea che Mussolini ha costruito e fatto tante cose buone e belle. Ma i giovani di oggi non cresceranno con l' idea che i governi degli anni '90 e 2000 abbiano fatto cose belle per noi.
La colpa non è della politica, ma dei politici che si sono inchinati, come un sadomasochista al suo padrone, in questo caso alla finanza, creando debiti, dando potere agli organi sbagliati, arrivando ad un punto dove, per tappare i buchi, si preleva denaro, denaro, ed ancora denaro dalle tasche del popolo, e non
per creare qualcosa di utile, ma per aiutare le banche. Coloro che, poverini, versano in gravi difficoltà.

La rabbia nasce dal fatto che la politica è uno strumento utile, sano nella forma pura. Ma distordo e distrutto dall' uomo stesso che l' ha creata.
E' un pò come la storia della lama, usato per tagliare il cibo, raccogliere il cibo, costruire cose utili all' uomo, e poi divenuta un' arma per uccidere.
Il problema non è il mezzo, ma chi la usa.
E sinceramente non so se mi fa più paura questa situazione o l' arrivo delle elezioni del prossimo anno.
In qualsiasi caso ci sarà sempre qualcuno che deve governare il popolo. O, in alternativa, un dittatore.
O, in altra alternativa in caso di guerriglie, l' esercito. Come avvenuto in Libia.
Qualunque soluzione è tragica. Una più tragica dell' altra.
Ma ovviamente bisogna scegliere quella meno tragica.
Difficile decisione, specialmente perchè non spetta a noi. O forse no.



Per concludere, un tenero e affettuoso, vaffanculo alle forze dell' ordine.
Invece d' esser dalla parte del popolo, sono sempre, costantemente, in qualcunque nazione,
contro i cittadini. Quando si mascherano da Robocop, dimenticano di essere anche loro cittadini.
E ogni volta, non c'è nessuna giustificazione. Nessuna.

Articolo di Lapenna Daniele

1 commento:

  1. Tacciono perché il governo c'ha paura che poi gli Italiani facciano lo stesso.
    Il che dimostra che il governo non conosce gli Italiani.

    RispondiElimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie