Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

lunedì 31 dicembre 2012

L' usura delle banche: silenziosamente tassano i conti correnti senza che il cliente si accorga del denaro tolto ingiustamente - VIDEO

Berlusconi vuole salvare l' Italia, ma licenzia dipendenti a Mediaset. Protesta a Roma nel silenzio dei media Tv

 Dipendenti Mediaset in strada con cartelli e striscioni davanti alla sede di via Aurelia antica a Roma. Dietro la protesta la decisione di trasferire l’azienda a Milano.
Fonte ed altre foto su LaStampa.it



sabato 29 dicembre 2012

Ryanair "Per risparmiare, voliamo con meno carburante". La rivelazione è di quattro piloti che hanno scelto di rimanere anonimi


fonte repubblica.it

BRUXELLES -
Non è la prima volta che se ne parla, ma stavolta l'accusa è più netta. Quattro piloti della compagnia low-cost, protetti dall'anonimato, hanno denunciato la pratica scorretta di far volare gli aerei con meno carburante, per risparmiare.
La tv fiamminga KRO ha ospitato la loro denuncia.

"Speriamo non serva un incidente per sollevare la questione", hanno detto, spiegando come l'obiettivo dell'azienda è "fare pressione su di loro per spingerli ad utilizzare meno carburante per far risparmiare la Ryanair". Ma questo metodo "ha delle conseguenze sulla sicurezza", denunciano i piloti, che non si sentono liberi di parlare con la società per paura di essere puniti: "Il management della Ryanair è come una dittatura", ha detto uno di loro.

giovedì 27 dicembre 2012

Canone Rai: hai un abbonamento pay Tv e non paghi il Canone Tv? Lo Stato potrà "beccarti" grazie alla banca dati.E intanto la tassa sale a 113,50 euro ricordando di pagarlo con uno spot della Rai ignobile

La buona nuova è che il Canone Rai sale di 1,50 euro, giusto per accodarsi a tutti gli aumenti del nuovo anno. E non è tutto.
Il direttore generale Luigi Gubitosi ha confermato come l' anno prossimo ci sarà un incremento di introiti grazie all' aumento dei controlli sugli evasori della tassa statale più discussa degli ultimi decenni.



HAI SKY ? PREMIUM?
E NON PAGHI IL CANONE ? BECCATO!

Era accaduto quando vi era Berlusconi al governo.
Più di un anno fa, ed andando a ritroso nel tempo,
l' ex premier era a governo e quindi gestiva sia la Tv pubblica e sia quella privata ( la sua ). Molti clienti di Mediaset Premium che però non pagavano il Canone Rai si videro arrivare a casa delle lettere che intimavano di pagare la tassa suddetta, dacché non risultava il loro nominativo negli elenchi dei paganti ( vedi articolo Non paghi il Canone Tv ? Il governo oggi può scoprire la tua evasione a tua insaputa.Ecco come ).
Berlusconi poteva controllare i dati di un cliente dei suoi abbonamenti Mediaset, e verificare se al suddetto indirizzo fisico risultasse anche un numero di abbonamento Rai.
Se non risultava, ecco beccato l' evasore!

Ora il nuovo direttore generale Rai ha intenzione di chiedere i dati degli utenti a Sky, in modo da beccare altri evasori del canone Tv. Ricordiamo che tutto ciò è lecito, dacché

mercoledì 26 dicembre 2012

ATTENZIONE alla falsa richiesta di aggiornare il Flash Player. Si tratta di una pubblicità spam. Ecco i siti dove verificare con tranquillità i plug-in

Navigando bello e tranquillo su YouTube, mi accorgo di un avviso sulla destra, al posto delle solite pubblicità:
"Sono stati rilevati problemi con la tua versione di Flash Player". Mi chiede di aggiornarlo e quindi, cliccarci sopra. Immediatamente mi accorgo ( avendo occhio esperto ) che si tratta solo di una spudorata trappola. Si vede anche il caricamento dell' aggiornamento con una barra verde, che poi, ovviamente, termina con "Aggiornamento non riuscito".
Il consiglio è NON CLICCARE.
Per capire se un avviso è finto, basta solo passare il puntatore del mouse sopra, ma SENZA CLICCARE: esce la manina non solo al bottone rosso, ma a tutta la pubblicità. Quindi, è un "fake".
Altre pubblicità sono così reali da trarre in inganno, ma il consiglio è sempre di non cliccare ma andare direttamente ai siti corrispondenti.
In questo caso però è palese la trappola, dacché se il vostro Flash Player non funzionasse, riscontrereste problemi anche nella visualizzazione dei video di YouTube ( che usa il Flash ).
Se proprio avete dei dubbi che non riuscite a far assopire, andate sul sito di Adobe ( www.adobe.com ) e controllate la vostra versione. oppure, se avete Mozilla Firefox, andate su http://www.mozilla.org/it/plugincheck/ everificate se e quali plug-in dovete aggiornare.

Qui sotto un' altra falsa immagine di aggiornamento



lunedì 24 dicembre 2012

Ritorno degli Zapatisti, in memoria di quella orribile strage insensata del dicembre 1987 dove un commando paramilitare massacrò 45 indigeni in preghiera


fonte ed altre foto su Lastampa.it

In modo silenzioso, e senza la presenza del subcomandante Marcos, migliaia di indigeni zapatisti del Chiapas hanno manifestato nelle ultime ore nello stato messicano. Le marce sono state fatte coincidere sia con l’avvio del nuovo ciclo Maya sia con il 15° anniversario del massacro di Acteal - il 22 dicembre del 1987 - nella provincia di Chenalho’ del Chiapas, quando un commando paramilitare attaccò un gruppo di indios in preghiera massacrandone 45, per lo più donne e bambini.

LA STRAGE DI ACTEAL
fonte testo

Acteal è una comunità indigena piccola ma oggi abbastanza ben messa, almeno per gli standard degli indios del Chiapas. Si trova nella zona di Oventik, ma non è una comunità zapatista, nemmeno però dalla parte del governo, i suoi abitanti sono pacifisti.
Ad Acteal oggi non vive quasi nessuno, ma qualche anno fa era una comunità di desplasados, cioè persone che sono state cacciate dalle loro terre dall'esercito o dai paramilitari. Terre in cui prima abitavano in pace, ma che il governo voleva per sè. Acteal è tristemente nota perchè nel 1997 è stata teatro di una mattanza.
I paramilitari, giungendo dalla vallata in un momento in cui tutti erano a messa, hanno sparato contro la chiesa, una capanna di legno che si trova all'estremità della comunità. Le persone sono scappate fuori, si sono gettate in una scarpata per fuggire, nascondersi. Sono state inseguite per ben sette ore dai paramilitari, finchè questi non hanno creduto di averli uccisi tutti. I morti sono 45, fra essi vi erano bambini e donne, alcune delle quali incinte. I paramilitari, senza pietà, le hanno sventrate con un machete per tirare fuori il feto. Nel frattempo però

Due ragazze si baciano al Gay Pride a Roma: un carabiniere le insulta minacciandole di denunciarle.Ancora un abuso di potere da parte delle "forze del disordine"


fonte www.lastampa.it

ROMA
Un bacio tra due donne ha scatenato la reazione di un carabiniere e la conseguente presa di posizione dell’associazione Gay Project che ha denunciato quanto avvenuto nella stazione ferroviaria di Acilia, a Roma, classificandolo come «un abuso di potere a sfondo omofobico».

«La sera del 19 dicembre - ha raccontato Imma Battaglia, presidente di Gay Project- nel piazzale antistante la stazione di Acilia (Roma-Lido), una donna ha salutato la sua amica con un bacio sulle labbra, in un’area chiaramente visibile dalle telecamere di sorveglianza. Un carabiniere in servizio, che si trovava dietro ai tornelli ad una distanza di almeno cento metri si è avvicinato alle due ragazze urlando loro di spostarsi, che era uno schifo e una vergogna ».

«Alla richiesta ferma di una delle ragazze di motivare quel comportamento, il carabiniere ha reagito chiedendo i documenti alle ragazze. E dopo averle trattenute per circa venti minuti, ha minacciato di denunciarle per atti osceni in luogo pubblico». Una delle ragazze si è quindi

Messaggio di servizio: verificazione "Dimostra di non essere un robot"


fonte immagine

Sarà il periodo di festa o l' enorme quantità di virus stagionali che gironzolano, ma da mesi al blog giungono ( come accade a chiunque ) di vedersi sul totale dei commenti, il 70% che sono puro SPAM.
C'è quello che vuole vendere Viagra, il tizio che commenta al post della Sardegna dicendo che ama il mare e piazza link di siti web strani ( sempre in inglese ) etcetera.


Il controllo del "Dimostra di non esser un robot"
l' ho sempre odiato e non l' ho mai messo al blog.
Ma ora penso sia necessario.


Se vi capita di commentare, esprimete la vostra opinione, perché personalmente penso che quel controllo sia utile ma fastidioso dacché ti snerva capire ogni lettera. I robot non possono leggerle ma a volte neanche un uomo!

sabato 22 dicembre 2012

Un aiuto per chi ha bisogno



Vodafone: chiamate gratuite illimitate la domenica a tutti a costo zero per un anno

Alcuni sono stati avvisati con un sms, altri non lo sapevano proprio: Vodafone regala la promozione Free Sunday Tutti. A costo zero.



COS' E'
Con Free Sunday Tutti è possibile chiamare dal proprio numero Vodafone, numeri di cellulari e di rete fissa verso l' Italia a costo zero, senza scatto alla risposta, e senza costo di attivazione.
La promozione dura 365 giorni dalla data di attivazione.

COME SI ATTIVA
Per attivarla basta chiamare il 42100 ed ascoltare la voce guida che dice "Sei stato invitato ad attivare una promozione".

VODAFONE REGALA ?
Ebbene sì. Anche se la promozione permette di chiamare gratis solo la domenica, ha il vantaggio di valere per qualsiasi numero. E poi è gratis!
Probabilmente l' emigrazione di utenti Vodafone verso altri operatori ha portato il gestore a regalare qualcosa, in modo da tenersi gli utenti che ancora sono con loro.
E quindi, perché non approfittarne?

giovedì 20 dicembre 2012

Il prodotto sottomarca? E' identico a quello di marca! Ecco la lista degli alimenti degli Ipermercati e Discount con i relativi produttori "di marca"


fonte immagine e parte fonte
ilfattoalimentare.it
cubosphera.net


Ormai, vuoi per la crisi, vuoi per un' abitudine solita, quando si va al supermercato si ispeziona il prodotto da acquistare da cima a fondo: provenienza, etichetta, tabella nutrizionale e, soprattutto, il prezzo.
Accade che ci accorgiamo che l' olio extravergine Monini, una marca ben conosciuta, ha un costo superiore all' olio Carrefour. "Ma ovvio! Carrefour è una sottomarca" esclamerete.
Ma ne siete proprio sicuri?
Ispezionando il produttore riportato sulla bottiglia di olio Carrefour si scopre con sorpresa che è prodotto proprio da Monini. Allora, perché costa di meno?
Iniziamo con l' esporre la tabella nutrizionale ( che potrete voi stessi confrontare al supermercato ).
Per visualizzare l' immagine a destra in grande basta cliccarci sopra.

I valori, come potete vedere, sono identici, tranne che per qualche valore omesso sulla bottiglia di sottomarca, come la Vitamina E ( ma se il produttore è uguale, il prodotto è identico ).
L'olio Carrefour è ottenuto con extravergini comunitari provenienti da olive coltivate nei Paesi europei (Italia, Spagna e Grecia), proprio come quello con il marchio Monini.
Anche le varie tipologie di olio non sono poi così diversi l' uno dall' altro:nel caso di Monini le tre tipologie Classico, Gran Fruttato e Poggiolo hanno la stessa tabella nutrizionale, pur trattandosi di oli di qualità e origine differenti, tant’è che vengono proposti per distinti utilizzi in cucina e hanno listini distanti.
Invece sono uguali l' uno dall' altro. Cambia solo il prezzo. Così come viene distinto l' olio di marca con quello Carrefour.

Il primo viene venduto a 4,29 euro mentre il secondo arriva a 5,13 euro, quasi il 20% in più ( i prezzi cambiano da Carrefour a Carrefour d' Itali ). Stabilire quali sono le differenze non è facile.

L' azienda precisa che

mercoledì 19 dicembre 2012

Francois Hollande accelera sull’eutanasia attiva con la ‘sedazione terminale’.La Francia si dimostra un vero Paese laico


fonte ilfattoquotidiano.it

Si tratta di un’anestesia a disposizione di chi voglia mettere fine ai propri giorni per non soffrire più. Spiragli anche per il suicidio assistito: il malato terminale si autosomministra la dose letale di farmaci, sotto il controllo dei medici. Il Governo vuole presentare un progetto di legge entro giugno

Sei mesi di incontri, con gli specialisti, ma anche con la cittadinanza: malati terminali o loro familiari.O chi ha vissuto in passato quell’esperienza: il dramma di una persona vicina, dal destino già segnato, che ha sofferto in maniera indicibile prima della scomparsa. Mesi e mesi di lavoro, senza clamore e con tanto impegno, per il professor Didier Sicard, al quale François Hollande aveva confidato una missione: individuare nuove piste per accelerare e umanizzare “la fine della vita”.
Ebbene, ieri il professore ha consegnato il suo rapporto al presidente. Le indicazioni fornite? La possibilità di una “sedazione terminale“: un’anestesia, appunto, a disposizione di chi voglia mettere fine ai propri giorni per non soffrire più. Il rapporto Sicard apre anche la porta alla possibilità del ‘suicidio assistito‘: il malato terminale si autosomministra la dose letale di farmaci, sotto il controllo dei medici. Su queste piste lavorerà ora il Governo del socialista Jean-Marc Ayrault: l’obiettivo è presentare un progetto di legge al Parlamento entro fine giugno.

A Parigi già si parla di “una via francese all’eutanasia”, che

Papa Ratzinger benedice la politica Rebecca Kadaga, promotrice di una legge omofoba


fonte ilpost.it

Mercoledì scorso, durante l’Udienza Generale, il Papa ha incontrato una delegazione ufficiale dell’Uganda guidata da Rebecca Kadaga, presidente del parlamento.
Kadaga, nelle scorse settimane, aveva apertamente appoggiato la legge anti-omosessuali che al momento è in discussione nel parlamento ugandese, promettendo di farla approvare entro l’anno perché «il popolo ugandese lo chiede»:
di conseguenza, la foto di Benedetto XVI che stringe le mani della donna sta circolando molto sui social network, accompagnata molto spesso da commenti estremamente critici.

«Penso che non dimenticherò mai questo momento e ringrazio Dio per l’opportunità che mi ha dato», ha detto Kadaga dopo l’incontro. Il Papa ha benedetto la delegazione ugandese e la stessa Kadaga, che era accompagnata da diversi parlamentari.
Rebecca Kadaga, 56 anni, è un avvocato e il primo presidente del parlamento donna nella storia dell’Uganda, eletta nel maggio del 2011. Nel 1989 è stata eletta al parlamento per la prima volta e da allora è stata più volte ministro. A proposito della legge anti-omosessuali ha dichiarato: «Chi siamo noi per opporci a quello che la gente ci chiede? Questa gente non dovrebbe pregarci».

Kadaga ha pronunciato queste parole in seguito a una petizione che un movimento anti-gay le aveva rivolto personalmente: «Presidente, non possiamo restare fermi mentre un fenomeno così distruttivo prende piede nel nostro paese». Kadaga ha anche partecipato direttamente ad alcuni incontri organizzati dai movimenti anti-omosessuali e dalla chiesa evangelica. Nel corso di uno di questi incontri l’omosessualità è stata definita «una seria minaccia», mentre alcuni sacerdoti di confessione evangelica hanno chiesto a Kadaga di far passare la legge come «regalo di Natale» al popolo ugandese.

In Uganda, come in molti altri paesi dell’Africa subsahariana, avere rapporti sessuali con persone dello stesso sesso è già illegale e viene punito con una pena massima di 14 anni di carcere. La nuova legge anti-omosessuali prevede

venerdì 14 dicembre 2012

Ghiandole ascellari: se si gonfiano formando piccoli pallini,spesso si tratta solo di un' infezione.Ma è bene controllarli

fonte salute.pourfemme.it

Le ghiandole ascellari appartengono al sistema linfatico. Sono cioè parte integrante del nostro sistema immunitario.
Quando c’è una reazione ad un virus o ad un batterio, queste, come quelle del collo e dell’inguine si gonfiano: sono grandi da pochi millimetri ad 1-2 cm in condizioni normali, ne esistono circa 600 in tutto il corpo (20-30 sotto l’ascella) ed hanno la forma di un fagiolo. Qui stazionano i globuli bianchi prima di attaccare gli agenti patogeni ritenuti pericolosi. I linfociti si moltiplicano ed ecco che il “fagiolo” aumenta di volume. Da qui inizia l’azione di filtro tipica del sistema immunitario.


Si tratta dunque di reazioni frequenti e benigne. Per lo più passeggere. Per le donne, una ghiandola ingrossata, che a volte provoca anche dolore è sinonimo di ansia. Sentire al tatto, in prossimità del seno, una sorta di nocciolina ci fa pensare subito a noduli pericolosi. Il principio poi non è così sbagliato, perché i linfonodi (così si chiamano queste ghiandole) non solo identificano gli agenti esterni come pericolosi, ma anche quelli interni, come possono essere le cellule precancerose.

COME SI FORMANO
Di fatto e per fortuna l’incidenza di questa casistica è solo dell’1%. In genere a provocare il rigonfiamento sono delle infezioni, virali o batteriche, ma anche alcune pratiche per noi normali. La ceretta ad esempio può provocare un’infiammazione a causa di una microscopica lesione (può capitare di portare via un piccolo pezzo di pelle).

Anche la depilazione col rasoio

La cioccolata è veramente la causa dei brufoli ? I miti sfatati sul cioccolato


    fonte sanihelp.it

    Sfatiamo un pò di miti sul cioccolato!
    Quel bel coso morbido e dolcissimo
    oggetto di ingozzamento nei periodi
    tristi, nelle feste, nei giorni freddi,
    ed in qualsiasi momento della giornata.
    Tranne d' estate sennò vi è il rischio di cacarella!

    Il cacao calma la fame

    Vero.
    Il cacao contiene feniletilamina, una molecola che si lega agli stessi recettori cerebrali delle anfetamine, e che quindi fornisce energia a disponibilità immediata.

    La serotonina contenuta nel cacao migliora l’umore

    Falso.
    Il cacao non contiene serotonina, però ne favorisce la secrezione procurando così una sensazione di appagamento e benessere.

    Il cioccolato aiuta a stare svegli

    Vero.
    Il cioccolato contiene le metilxantine, che sono delle sostanze simili alla caffeina, e che hanno il pregio di tenere svegli e di favorire la concentrazione, non facendo sentire la fatica.
    Di questa sostanza una tavoletta di fondente da cento grammi ne contiene tanto quanto un caffè espresso, mentre in una tazza di cioccolata calda si trova tanta metilaxantina quanta ne contiene una tazza di tè forte.

    Quando il cioccolato fiorisce significa che è avariato

    giovedì 13 dicembre 2012

    Conti parla. Il giornalista di Italia 1 in diretta spara la sua opinione credendo di esser fuori onda

    mercoledì 12 dicembre 2012

    Pizza surgelata Buitoni: Nestlé ritira tre varietà per sospetta presenza di corpi estranei. Ecco la lista dei lotti interessati


    fonte ilfattoalimentare.it



    Nestlé ha ritirato dal mercato alcuni lotti delle pizze surgelate “Le Creazioni di Casa Buitoni” nelle tre varietà “mozzarella, provolone e pomodorini”, “spinaci e armonia di formaggi” e“funghi e armonia di formaggi”. Si tratta di un ritiro volontario, sollecitato da due reclami arrivati in Germania, dove i consumatori hanno trovato nelle confezioni delle pizze alcuni piccoli corpi estranei di natura metallica. In Germania il ritiro interessa due varietà di pizza surgelata prodotta in loco, con termine minimo di conservazione compreso tra giugno e novembre 2013.

    Nestlé Italiana – spiega l’azienda – pur non avendo ricevuto simili reclami, e non avendo altre evidenze al riguardo, ha comunque ritenuto anch’essa di procedere al ritiro precauzionale e cautelativo dei lotti delle varietà che hanno interessato il mercato italiano e che riguardano solo le tre tipologie di pizze ‘Le Creazioni di Casa Buitoni’.
    I riferimenti sono riportati nella tabella

    Il ritiro di un prodotto riguarda solo i lotti indicati e non gli altri per questo motivo tutte le altre pizze Buitoni possono essere consumate regolarmente.

    Per informazioni rivolgersi sl numero verde 800.227.228


     

    Varietà di pizze interessate Codice a Barre Data di preferibile consumo
    Pizza mozzarella, provolone e pomodorini 800300287127 Periodo compreso tra Giugno e Novembre 2013
    Pizza spinaci e armonia di formaggi 800300287141 Periodo compreso tra Giugno e Novembre 2013
    Pizza funghi e armonia di formaggi 800300311518 Periodo compreso tra Giugno e Novembre 2013

    Spot Yogurt Danaos con Stefania Sandrelli: multa di 180mila euro per pratiche commerciali scorrette

    Il 26 novembre 2012, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha censurato lo spot pubblicitario dello yogurt Danaos commercializzato dalla Danone e il sito dello Danaos.
    La segnalazione è stata inviata dall’Unione Nazionale Consumatori. Il gruppo agroalimentare francese, un colosso del settore presente in 120 paesi, è stato condannato a pagare una multa ( ridicola ) di 180mila euro per "pratiche commerciali scorrette" ( spiegate nel video a fondo pagina ),
    in particolare per "la comunicazione strutturata in modo estremamente scorretto".
    Una delle quattro pratiche scorrette riguarda la tesi che sostiene come gli studi scientifici mostrati nello spot siano stati confermati dal Policlinico Gemelli di Roma.
    Peccato che fra Danone e il Gemelli ci sia solo un accordo commerciale!

    Indi per cui... ATTENTI ALLE TRUFFE DEGLI SPOT. Perché gli spot, sono SOLO truffe.
    Il loro obiettivo è solo vendere vendere vendere, contemporaneamente al mentire mentire mentire.

    Ecco il video

    lunedì 10 dicembre 2012

    Cassazione: si può cacciare la suocera, se resta è violazione di domicilio


    fonte lastampa.it

    La Cassazione dichiara "guerra" alle suocere e, con una sentenza della Quinta sezione penale, stabilisce che quando la coppia è separata di fatto e la suocera continua con ostinazione a rimanere nell'ormai ex nido coniugale, rischia una condanna per violazione di domicilio. In altre parole, la nuora ha il sacrosanto diritto di estromettere la suocera di casa.



    Applicando questo principio, la Quinta sezione penale - sentenza 47500 - ha convalidato una condanna per violazione di domicilio ad una suocera abruzzese, Vincenza C., ormai novantenne che, con la scusa di dovere assistere il figlio ricoverato in ospedale, si era piazzata, armi e bagagli, nella casa coniugale ormai abitata dalla sola nuora Fernanda S., dal momento che il marito -figlio dell'anziana- ancora prima del giudizio del giudice civile, aveva abbandonato il nido coniugale trasferendosi da Chieti a Francavilla.

    In primo grado la signora Vincenza era stata addirittura condannata a sei mesi di reclusione in base al reato punito dall'art. 614 c.p. Pena ridotta a quattro mesi dalla Corte d'appello dell'Aquila, nell'aprile 2011. Quasi inutile il ricorso della suocera in Cassazione.

    Piazza Cavour ha ricordato che «nel caso in cui, all'esito di una separazione di fatto, uno dei coniugi abbia abbandonato l'abitazione familiare, trasferendosi a vivere altrove, l'unico titolare del diritto di esclusione dei terzi va individuato nel coniuge rimasto nell'abitazione familiare, con conseguente configurabilita' del delitto di violazione di domicilio nei confronti di chi vi si introduce o vi si intrattiene contro la volontà espressa o tacita di quest'ultimo ovvero clandestinamente o con l'inganno, ivi compreso il coniuge trasferitosi avivere altrove».
    Unica consolazione per l'anziana suocera sarà la sospensione condizionale della pena. Le sarà concessa dalla Corte d'appello di Perugia nel prossimo giudizio.

    Lavoro: licenziamento annullato per motivazioni di una presunta crisi dell' azienda

    fonte ilsole24ore.com

    Il licenziamento si considera illegittimo se l'azienda è stata costretta a ricorrere alla misura per una crisi nel settore solo presunta e mai dimostrata. La Cassazione con la sentenza n. 21712/12 ha chiarito che il trend negativo dell'impresa (senza specificare in cosa consista) non possa figurare solo nella lettera di licenziamento. L'imprenditore, infatti, è tenuto a illustrare al lavoratore tutti i numeri che lo hanno obbligato a ricorrere a una misura così pesante.

    E nel caso concreto non sembrava sussistere un calo di vendite visto che l'azienda, anche a seguito di cessione di fatturato operata nell'anno 2003 in favore di altra società collegata, aveva fatto segnare un +22% sul fatturato. I Supremi giudici hanno considerato anche ulteriori elementi che giocavano a favore dei lavoratori. E in particolare l'assunzione di altra figura da adibire alle stesse mansioni pochi giorni prima del licenziamento e il ricorso al lavoro straordinario. Si trattava di due elementi che di certo non potevano dimostrare una situazione di dissesto economico.

    La società da parte sua ha rilevato come

    giovedì 6 dicembre 2012

    Decreto Salva-Italia: articolo 17 "Il Canoone Rai sarà sulla dichiarazione dei redditi". Tassati anche computer, videofonini, ipad e perfino sistemi di videosorveglianza

    Il Decreto Salva-Italia, anzi, "Affossa-Italia", è stato approvato proprio oggi. Eccolo qui in PDF.

    L' articolo 17 riporta
    "Art. 17 Canone RAI
    In vigore dal 6 dicembre 2011
    1. Le imprese e le società, ai sensi di quanto previsto dal decreto del Presidente della Repubblica
    22 dicembre 1986, n. 917, nella relativa dichiarazione dei redditi, devono indicare il numero di abbonamento speciale alla
    radio o alla televisione la categoria di appartenenza ai fini dell' applicazione della tariffa di abbonamento radiotelevisivo speciale, nonché gli altri elementi che saranno eventualmente indicati nel provvedimento di approvazione del modello per la dichiarazione dei redditi, ai fini della verifica del pagamento del canone di abbonamento radiotelevisivo speciale."

    Intanto a Firenze la giunta regionale era intervenuta proprio ieri sul Governo per abrogare questo articolo, convertito nella legge 214/2011, ed abrogare così il canone speciale Rai.
    Missione, a quanto si legge, non riuscita.

    La Rai, all’inizio del 2012, ha chiesto il pagamento del canone da parte di tutti coloro che fanno uso di computer, videofonini, ipad e addirittura sistemi di videosorveglianza.
    Il fondamento giuridico è la legge 880 del 1938 ( il tutto lo trovate anche in alto a destra nel menu, categoria "CANONE RAI e Digitale Terrestre: le Truffe" ), sedici anni prima dell’avvento della tv in Italia.
    Successivamente, sotto la pressione delle proteste dei cittadini, la Rai ha fatto retromarcia e dichiarato pubblicamente che avrebbe rinunciato all’esazione
    . Nei mesi scorsi, però, i titolari di diversi tipi di attività si sono visti recapitare il bollettino per il pagamento. Alla luce dell’articolo 17 del decreto Salva-Italia, infatti, le imprese e le società devono indicare nella dichiarazione dei redditi il numero di abbonamento speciale ed altri elementi per la verifica dell’effettivo pagamento.

    fonte
    http://www.nove.firenze.it/vediarticolo.asp?id=b2.12.05.18.16

    Scontri a Roma del 14 Novembre: ecco ( se ce ne fosse bisogno ) le prove delle forze dell' ordine in borghese che provocano gli scontri

    Le voci sono corse tra la gente e in web: tra i ragazzi che hanno manifestato il 14 Novembre a Roma c' erano poliziotti, finanzieri, insomma forze dell' ordine in borghese proprio per creare DISORDINI e quindi GIUSTIFICARE i colpi inferti ai manifestanti, seppur minorenni.
    Ecco LE PROVE!

    Anna Finocchiaro, presidente dei senatori Pd, aveva chiesto al ministro dell'Interno Roberto Maroni di riferire in aula su tre punti «rispetto a quelli che ieri erano chiaramente degli infiltrati nelle manifestazioni di Roma. Vogliamo sapere chi li manda, chi li paga e che vogliono».


    Il Popolo viola ha ricostruito e pubblicato sul suo sito una sequenza fotografica: «appaiono esponenti delle forze dell’ordine che, travestiti da manifestanti e armati di bastone, fronteggiano altre forze dell’ordine nel corso delle manifestazioni di oggi a Roma».

     Nella foto a sinistra si vede un manifestante con i guanti che vengono dati in dotazione solo ai finanzieri.
    Un altro manifestante completamente coperto ( non bloccato ) che ha in mano
    un paio di manette ( foto sotto ). Ed un altro con le scarpe proprio delle forze dell' ordine. ( ultima foto ).
    Anche se le prove reali le si vedono anche nei video.
    Questo video di Servizio Pubblico mostra proprio nella fase iniziale degli scontri, dei poliziotti NON in divisa, che prendono proprio un MANIFESTANTE A CASO, posto proprio davanti.
    Il sospetto è che questi sia d' accordo. L' uomo che si vede colpire il giovane MINACCIA anche la donna che gli urla "Lascialo stare!" intimando alla signora "Se nun te ne vai, te meno!".

    Sono queste le forze dell' ordine? O forze del disordine?
    La TV e i giornali sono riusciti a convincere chi crede in questi STUPIDI e ORRIDI organi d' informazione, che sono stati i giovani a creare scompiglio, dando così scredito alla manifestazione.
    I politici continuano ciò che faceva anche Berlusconi e anche Mussolini ai tempi di guerra ( meritandosi onori di "salvatore" ) per il quale vale il detto
    "Tutto ciò che viene mostrato in Tv e sui giornali, è vero".
    Peccato che di vero, non c'è assolutamente NULLA.





    Scontri manifestazione a Roma. Christopher Chiesa: lettera di risposta al padre che andò in Tv dicendo "Mio figlio? Dovevano tenerlo di più in carcere!". Lui "Mio padre ha minacciato mia madre e la mia famiglia". E ancora "Usa violenze fisiche e psicologiche"


    fonte Vento Ribelle
    Christopher Chiesa, il giovane 21enne arrestato durante gli scontri del 14 novembre a Roma, dopo settimane di silenzio ha deciso di scrivere una lettera - che l'Huffington Post ha ricevuto - nel "tentativo di spezzare questo vortice intorno alla mia persona". Un gorgo messo in moto da suo padre, Giorgio Chiesa, ristoratore di Cuneo che dopo la notizia dell'arresto del figlio si è speso, fra interviste ai giornali e comparse nei salotti della tv, per ribadire che suo figlio "dovevano tenerlo dentro più a lungo, senza una punizione gli togliamo persino il senso di colpa. Studia Scienze politiche alla Sapienza, mi contesta, fa il comunista ma poi a Roma ha casa, a mie spese, a Monte Mario, mica a Centocelle. Temo che lì ci siano cellule combattenti. Questi ragazzi sono plagiati...".

    LA LETTERA


    Mi chiamo Christopher Chiesa, ma ormai lo sapete tutti, ho vent'anni e sono diventato “famoso”.
    Sono uno degli otto studenti arrestati a Roma durante le violente cariche della polizia al corteo
    studentesco del 14 Novembre e sono indagato per resistenza.
    Ma non sono diventato “famoso” per questo.

    Peso 58 chili ma secondo i verbali di polizia prima di essere bloccato sarei riuscito a tenere testa da solo a quattro agenti. I filmati pubblici del mio arresto raccontano un’altra storia.
    Ma non sono diventato “famoso” nemmeno per questo.

    Insieme a migliaia di studenti come me ho deciso di manifestare quel giorno perché credo che il futuro possa ancora essere scritto. Perché credo che i tagli alla scuola, all'università e allo stato sociale siano la scelta cieca di un paese che tutela solo gli interessi di pochi. Siamo scesi in piazza perché volevamo gridare la nostra rabbia proprio dove si prendono queste decisioni ma non ce lo hanno fatto fare.
    Non sono diventato “famoso” nemmeno per queste idee anche se le condivido come gran parte della mia generazione.

    Il motivo per cui sono diventato “famoso” è perchè mio padre sta rilasciando dichiarazioni deliranti su di me e il mio comportamento. Ha detto che sarei dovuto rimanere in prigione perché ho picchiato degli agenti di polizia. Ma lui quel giorno in piazza non c'era.

    Lui oggi si permette di parlare di educazione, di violenza e non violenza. Lui che quando da bambino andavo a trovarlo a Cuneo mi faceva passare le giornate da solo in casa. Lui che poi mi riempiva di minacce e di insulti per me, mia madre e tutta la mia famiglia. Lui da cui ho subito per anni violenze fisiche e verbali, ancora ricordo il dolore della sua cintura ogni volta che facevo qualcosa che lui riteneva sbagliato. Lui che mostrava sempre con vanto la sua pistola perennemente portata alla caviglia.

    Nonostante tutto questo io ho scelto di far valere le mie idee con forza avendo sempre in odio la violenza.

    Mi padre dice che

    Il Papa è su Twitter! Ecco le prime domande rivolte al pontefice


    lunedì 3 dicembre 2012

    Polemiche sul film dell' omicidio di Meredith Kercher che trasmetterà Mediaset. Negli Usa è stato un successo

    fonte ilsalvagente.it
    Stasera, alle 21,10, in prima serata su Canale 5, va in onda in prima tv assoluta “Amanda Knox: Murder On Trial In Italy”.
    Il film, ispirato al caso Meredith Kercher e diretto dall’austriaco Robert Dorhneil, è già stato trasmesso sul canale televisivo statunitense Lifetime dove, seguito da quasi
    3 milioni di persone, è stato accolto da un mare di polemiche.




    I veri protagonisti della vicenda non ci stanno. E se i genitori di Meredith hanno chiesto e ottenuto la cancellazione della scena del delitto, al centro del trailer promozionale, dall’altra parte, Amanda Knox, ha fatto sapere di non aver gradito il film e ha chiesto ai suoi avvocati, Luciano Ghirga e Carlo Della Vendola, di procedere per vie legali per bloccare l’arrivo della pellicola in Italia.

    Dai vertici Mediaset, però, ribadiscono di non aver mai ricevuto né diffide né ricorsi ma solo una lettera, tra l’altro inviata dagli avvocati della famiglia Kercher, con l’invito a trasmettere il programma nel rispetto delle norme di legge. Riguardo che, dall’azienda di Cologno Monzese, assicurano ci sarà.

    Se non si può negare che questo film è solo una parte (e forse neanche l’ultima) di quel meccanismo di spettacolarizzazione che, ormai da 5 anni, ruota intorno all’omicidio di Meridith, non si può però neanche nascondere che, quando si sceglie di portare un caso come questo fuori dall’aula di un tribunale, quella di essere giudicati è una possibilità che deve essere messa in conto fin dall’inizio.
    Colpevole o innocente, infatti, il personaggio di Amanda si è creato dopo il delitto di Via della Pergola.

    Rimane comunque strano l' atteggiamento dei genitori di Meredith che hanno chiesto solo di non mostrare la scena dell' omicidio, e non di fermare la trasmissione in Tv del film.
    Probabilmente è dovuto al fatto di mostrare cosa è accaduto, di ricordare e non dimenticare, ma certo, pensare che in TV milioni di persone seguino appassionati il film sulla morte di tua figlia come fosse l' ultima fiction creata sulla rete, fa un effetto molto strano.

    Verdone respinto al ballottaggio: ''Non voterò più Pd''

    fonte ilsalvagente.it
    Non è bastato il certificato medico. E la delusione è di quelle cocenti. Tanto da fargli ammettere: "Non so se voterò ancora Pd".
    Sotto la scure delle giustificazioni respinte al ballottaggio delle primarie del Pd, ieri è caduto anche Carlo Verdone.
    Il regista romano, da sempre elettore di centrosinistra, si è visto rifiutare la sua motivazione per non aver votato al primo turno ("mi sono fatto male in moto") dal seggio di via dei Giubbonari, a due passi da Campo dè Fiori.


    Il regista lo ha raccontato al quotidiano "Secolo XIX", dicendosi amareggiato."Ero andato pure due volte sabato portando le giustificazioni necessarie", vale a dire un certificato medico e, in più, la carta d'imbarco per Madrid, dove da mercoledì a venerdì presentava il film "Posti in piedi in Paradiso". "Non sono un furbastro dell'ultimo minuto - si sfoga il regista -, questo modo di fare non mi piace. Come se dicessero: è una cosa nostra. Mi sento dispiaciuto, anzi arrabbiato. Defraudato di un diritto, come cittadino". E conclude: "Non saprei dire se voterò ancora Pd".

    venerdì 30 novembre 2012

    Natale non c' azzecca un cacchio con Gesù, il Buddha non era ciccione e la Svastica è un simbolo sacro



    Purtroppo le tradizioni antiche, dopo che vengono sotterrate, spariscono agli occhi della gente e se provi a ritirarle fuori ti prendono anche per pazzo.
    E' il caso del Natale, che da tutti viene festeggiato come la nascita di Gesù Cristo, ma, oltre il fatto che il personaggio non si sa se sia realmente esistito, c'è il problema che la festa è in realtà pagana. La religione cattolica ha rubato il giorno sacro dedito al Sole per trasformarlo in "giorno del Signore".

    IL NATALE DELLA NASCITA DEL SOLE
    Letteralmente natale significa "nascita". La festività del Dies Natalis Solis Invicti ("Giorno di nascita del Sole Invitto") veniva celebrata nel momento dell'anno in cui la durata del giorno iniziava ad aumentare dopo il solstizio d'inverno: la "rinascita" del sole.
    Il termine solstizio viene dal latino solstitium, che significa letteralmente "sole fermo" (da sol, "sole", e sistere, "stare fermo").
    Infatti nell'emisfero nord della Terra tra il 22 e il 24 dicembre il sole sembra fermarsi in cielo (fenomeno tanto più evidente quanto più ci si avvicina all’equatore). In termini astronomici, in quel periodo il sole inverte il proprio moto nel senso della "declinazione", cioè raggiunge il punto di massima distanza dal piano equatoriale. Il buio della notte raggiunge la massima estensione e la luce del giorno la minima.
    Si verificano cioè la notte più lunga e il dì più corto dell’anno. Subito dopo il solstizio, la luce del giorno torna gradatamente ad aumentare e il buio della notte a ridursi fino al solstizio d’estate, in giugno, quando avremo il giorno più lungo dell’anno e la notte più corta. Il giorno del solstizio cade generalmente il 21, ma per l’inversione apparente del moto solare diventa visibile il terzo/quarto giorno successivo.
    Il sole, quindi, nel solstizio d’inverno giunge nella sua fase più debole quanto a luce e calore, pare precipitare nell’oscurità, ma poi ritorna vitale e "invincibile" sulle stesse tenebre. E proprio il 25 dicembre

    Se ti si blocca l' ascensore, e dal buio ti appare Samara - VIDEO

    Sta riscuotendo grande successo nel web il video tratto da un programma brasiliano
    famoso per i suoi scherzi televisivi. Una ragazzina simile a Samara, la protagonista
    dell'horror "The ring", compare all'improvviso all'interno dell'ascensore spaventando
    a morte gli ignari protagonisti della candid camera.
    La candid è spettacolare!! E l' ultimo del video che incappa nella candid, fa pensare
    a quanto ci condizionino i film horror ( finti ) nella vita reale!

    Le parole più ricercate in web del 2012: the winner is...

    Belen Rodriguez che chatta su Facebook con Beppe Grillo e la Minetti sulla questione Imu.
    Dò i numeri? 29 88 e 12. Tiè!
    No, queste sono le parole più ricercate del web. Ebbene sì, siamo messi davvero male. Se una volta si cercavano le diete, che cure necessita una pianta di marijuana, le immagini porno ( come categoria di ricerca è proprio sparita ) e metodi su come costruire una bomba artigianale, oggi, la cosa più importante da cercare in web, è la farfallina di Belen. Quella meno pelosa.
    Ecco la classifica stilata da Yahooooo!!



    La Top 10 delle parole più cercate:
    1. Facebook
    2. Meteo
    3. Oroscopo
    4. Programmi tv
    5. Beppe Grillo
    6. Nicole Minetti
    7. Terremoto
    8. Imu
    9. iPhone 5
    10. Twitter
    La Top 10 delle parole più cercate su mobile:
    1. Belen Rodriguez

    lunedì 26 novembre 2012

    Oristano, dirigente ruba 190mila euro alla Regione. I soldi erano stanziati per corsi di formazione per i giovani in cerca di occupazione


    Oristano - Adnkrono

    I soldi che dovevano servire per l'organizzazione di corsi di formazione professionale per giovani in cerca di occupazione, sono finiti nei conti correnti personali del presidente di un Ente, ora indagato per l'ipotesi di reato di truffa aggravata


    Fondi della Regione Sardegna per circa 190.000 euro, che dovevano servire per l'organizzazione di corsi di formazione professionale per giovani in cerca di occupazione, sono finiti nei conti correnti personali del presidente di un Ente, ora indagato per l'ipotesi di reato di truffa aggravata. Per motivi d'indagine non sono stati resi noti né il nome del Presidente, né quello dell'ente truffato.

    E' la conclusione delle indagini dirette dalla Procura di Oristano e svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza del capoluogo arboense, che hanno ottenuto una prima importante conferma con l'emissione da parte del Giudice per le indagini preliminari di un provvedimento di sequestro preventivo ''per equivalente''.

    Secondo la ricostruzione dei finanzieri, il presidente dell'Ente, all'atto della sua cessazione dall'incarico, si e' impossessato della somma accreditata dalla Regione e presente sul conto bancario dell'ente utilizzando vari artifizi, variando la domiciliazione della corrispondenza del conto presso la propria abitazione, continuando a disporre del conto nascondendo alla banca il fatto di essere cessato dall'incarico e asportando dalla sede dell'ente tutta la documentazione che comprovava l'esistenza del conto corrente bancario.

    In un secondo momento, a diversi anni di distanza, l'indagato ha poi ''svuotato'' il conto corrente delle somme in esso depositate, emettendo quattro assegni, firmati ancora in qualita' di presidente, poi versati su un proprio conto corrente personale. L'uomo e' stato denunciato a piede libero per truffa aggravata.

    Sulla base degli elementi emersi dalle indagini, il Gip di Oristano, non essendo stati trovati i soldi, perche' il reato e' stato consumato da alcuni anni, ha emesso un provvedimento di sequestro per un valore di 190.000 euro, in esecuzione del quale sono stati vincolati, ai fini della confisca 10 fra terreni, ubicati in provincia di Oristano, e fabbricati, due dei quali a Firenze, oltre 23.000 euro rinvenuti nei conti correnti personali.

    Mantova, poliziotti colpiscono a pugni uomo che li ostacola nella corsa. Poi fuggono via

    fonte laprimapagina.it
    Ancora un brutto episodio che vede protagonisti rappresentanti delle Forze dell’Ordine. Anche in questo caso, "Forze del disordine", oltre che della violenza.
    Un veronese alla guida del proprio furgone è stato fatto accostare da una macchina blu, una Renault Laguna, con i lampeggianti accesi. Dall’auto sono scesi tre uomini, imbufaliti, perché non aveva lasciato libera subito la carreggiata alla vista della loro auto.

    Due dei tre uomini lo hanno aggredito, sferrandogli pugni al volto e sbattendolo contro il guard rail, mentre il terzo ha assistito senza battere ciglio. Dopo l’aggressione, Riccardo Welponer è stato lasciato per terra ferito e l’auto è sparita senza lasciare traccia. A carico di ignoti la denuncia che l’uomo ha sporto alla Polizia Stradale e alla Squadra Mobile di Mantova.

    Un testimone ha annotato un numero di targa. I poliziotti mantovani sono risaliti all’auto, scoprendo che era un mezzo di servizio e ai nomi degli occupanti, agenti di Polizia in forza alla Questura di Vicenza. Tra i due, il segretario regionale del sindacato di Polizia Coisp, Luca Prioli. Sul coinvolgimento dei poliziotti mantiene, però, uno stretto riserbo il Procuratore capo di Mantova Antonino Condorelli, che ha aperto un fascicolo sulla vicenda. “Si tratta – dice Condorelli – di un episodio di particolare serietà e gravità, per il quale servono chiarezza e trasparenza”.

    La Questura di Mantova acquisirà tutta la documentazione proveniente da Vicenza e gli agenti coinvolti saranno interrogati anche dalla Procura di Mantova per chiarire le circostanze dell’aggressione.

    sabato 24 novembre 2012

    "Non avrai altro Angelino al di fuori di Alfano" - Tremonti spiega come funziona il Pdl - VIDEO

    "E' un po' che non li frequento".
    Così risponde Giulio Tremonti, ex ministro dell'Economia,
    alla domanda relativo al suo rapporto attuale con i politici
    del Popolo delle Libertà.
    "Quando ho visto che non potevi avere altro Angelino
    al di fuori di Alfano, quando ho visto che il dibattito si sviluppava,
    parole loro, tra gelati, gelatai, barzellette, delfini e dinosauri,
    ho fatto molto tempo fa il mio primo tweet e ho detto 'no'"

    venerdì 23 novembre 2012

    Campane troppo rumorose, presepe imposto a scuola: dov'è lo Stato Laico ? Finalmente multe e blocchi alle campane delle Chiese

    Si può dire che dall' antichità le campane hanno sempre suonato, tranquille, imponendo a tutti l' ascolto delle stesse, udibili a distanza di kilometri.
    Oggi, almeno a quanto riporta la Costituzione, siamo in uno Stato Laico, e in quanto tale, non devono essere rispettate le attività che frantumano il significato stesso di Laicità dello Stato.
    Il prete di Ponteginori ha ricevuto una bella multa di 1.032 euro ( qui la news ) perché le campane sono troppo rumorose. Ma non è il primo caso, e si spera ce ne siano altri.
    E' accaduto anche al parroco di San Luca, con una multa di 1.036 euro ( qui la news ), alla parrocchia di Fosso dei Galli, con una multa invece di 500 euro ( qui la news ), è successo che l' Arpav ha multato anche il parroco della chiesa di San Pietro Orseolo, a Mestre ( qui la news ), ed infine, anche all' estero, in Francia, con una multa di 1.500 euro (qui la news).

    PRIVILEGI NEI SECOLI DEI SECOLI
    Vi sono paesi in Italia dove le campane suonano anche ogni quarto d' ora, ad ogni minima festa, con un frastuono che dura anche decine di minuti consecutivi ( come avveniva in questi paesi dove sono stati condannati i sacerdoti e le loro campane ).
    L' imposizione della religione, il bigottismo, e la stupidità della gente che non iniziava a pensare con la propria testa, hanno fatto sì che si accettasse il suono della campana, anche insistente, anche fastidioso, come una cosa normale, una cosa che si deve fare.
    Sempre e comunque.
    Invece, la protezione delle rappresentanze religiose da parte dell' ambiente politico ha permesso il consumarsi di queste ingiustizie, per secoli, per millenni. Come accadeva nel 1300, dove i funzionari religiosi erano stipendiati grazie alle tasse pagate dai cittadini. O intorno al 1800, dove vi erano protezioni persino per i delinquenti. Esisteva l' immunità locale, o diritto d'asilo, faceva sì che chi si rifugiava in un qualsiasi luogo ecclesiastico, non poteva esser perseguito dalla giustizia. Il giudice che ne avesse ordinato l' arresto, incorreva nella scomunica e i gendarmi che avessero tentato di eseguirlo si esponevano alle fucilate provenienti dai luoghi sacri. Inoltre gli ecclesiastici erano sottratti alla giurisdizione civile, qualunque fosse il reato degli imputati. E avevano anche esenzioni in tasse ( come avviene ancora oggi ).

    LA RELIGIONE NON E' UN OBBLIGO, MA UNA SCELTA
    Come il caso del presepe a scuola. Ho visto il servizio dove i genitori hanno fatto una colletta ed una protesta per dire "Il presepe a scuola, va fatto". Ma perché? Perché in un ambiente laico come una scuola pubblica, come un ufficio pubblico, come un tribunale, deve essere affisso un simbolo religioso?
    Se sei religioso, metti il tuo bel presepe in casa tua. Si dà talmente per scontato che sia una cosa da fare, che non si considera il fatto che la religione non è la legge, ma è una scelta, e come tale non va imposta a chi non fa quella scelta.


    Non so come fa la gente, oggi, ancora ad andare in Chiesa ed ascoltare i sacerdoti.
    Non vorrei fare di tutta l' erba un fascio, ma visti tutti i casi di pedofilia, e l' ultimo caso dove un prete abusava persino dei detenuti con ricatti, penso che i sacerdoti puliti, siano solo sacerdoti ancora non scoperti.

    Articolo di Lapenna Daniele

    Ladri entrano in studio di avvocati: rubano due penne e un Pocket Coffee

    Hanno surriscaldato gli infissi di una finestra facendo spaccare il vetro e si sono introdotti nell' ufficio di un avvocato. Nessun documento rubato, nessun rovistare tra le carte nei cassetti. Solo tre furti: due penne ed un pocket coffee.
    Gli strani furti si stanno susseguendo nel maceratese e colpiscono per la loro stranezza. In questo caso il ladro ( o uno di essi ) ha scartato il cioccolatino al caffé così dolce e gustoso, con una graffetta, per non lasciare le impronte, per poi lasciare la carta sul tavolino.

    In altri furti avvenuti in studi legali sono stati rubati dei tappeti. Forse cercavano qualcos' altro? Forse sono solo dei ladri che si divertono prendendosi gioco delle vittime?
    Fatto sta che una cosa è certa: nessuno può resistere al fascino di un gustosissimo Pocket Coffee!

    fonte
    http://www.cronachemaceratesi.it/2012/11/22/ladri-in-uno-studio-di-avvocati-rubano-un-pocket-coffee/261147/

    martedì 20 novembre 2012

    Esclusiva: la foto della vera traiettoria dei fumogeni lanciati a Roma


    NON PUBBLICARE SENZA IL CONSENSO
    DELL' AUTORE DELLA VIGNETTA
    ( ovvero il Robertone sopra )

    lunedì 19 novembre 2012

    Sei sicuro di essere o non essere religioso? Ecco il test che vi svela la verità con un pò di click

    Questo è un quiz molto interessante che mostra, in base alle vostre risposte a determinate questioni, che tipo di credente siete.
    Forse credete d' esser cattolici, probabilmente non sapete che siete più pagani che cristiani, e forse non sapete neanche che forse in voi c'è un pizzico di satanismo....

    COME FUNZIONA
    Il quiz è semplice:
    avete una serie di domande alle quali dovrete rispondere cliccando sui pallini vuoti. Se siete d' accordo con la frase, cliccate i pallini che vanno verso AGREE; se non siete d' accordo, puntate su DISAGREE.

    Se per una frase siete a metà strada fra accordo e disaccordo, cliccherete ovviamente sul pallino centrale.
    A fine pagina cliccate su CONTINUE, e quando uscirà al posto di "continue" il NEXT, scoprirete finalmente che tipo di credente siete. Questa la pagina del quiz

    Ecco il mio risultato

    You Scored as Agnosticismo

    Il tuo risultato è... agnostico. Sei un agnostico.
    Sebbene è generalmente riconosciuto che gli agnostici non credono nell'estistenza di Dio né nella sua non esistenza, è possibile per un agnostico essere anche deista o ateo. In realtà gli agnostici non conoscono né pretendono di sapere se Dio esiste o no, ma possono ammettere che qualcun'altro lo sappia. Un agnostico intellettualmente onesto si schiererebbe su questa posizione, dato che non ha più prove per giustificare l'impossibilità di conoscere Dio di quante ne abbia della sua esistenza.

    Agnosticismo         95%
    Satanismo             75%
    Paganesim            70%
    Ateismo                70%
    Buddismo             50%
    Paranormale         45%
    Induismo               30%
    Islam                     20%
    Confucianesimo     20%
    Cristianesimo        2%
    Ebraismo               0%

    sabato 17 novembre 2012

    E' un reato di eccessiva violenza il colpire una persona immobilizzata a terra ? Questa, ed altre domande senza risposta - Video



    Domande:
    1 - E' lecito colpire una persona disarmata, bloccata a terra da due agenti che lo tengono
         immobilizzato con i piedi sui polsi ?
    2 - I poliziotti senza divisa ma col casco, non possono essere degli infiltrati ?
          Perché non hanno la divisa ?
    3 - Perché quando i manifestanti si fermano con le mani alzate i poliziotti li colpiscono ugualmente      
         violentemente?
    4 - Se viene lanciato qualcosa dai manifestanti alla polizia, perché prendere persone a caso
          e colpirle con violenza ?
    5 - Perché, se i poliziotti prendono mille euro al mese non si schierano dalla parte dei manifestanti ?
    6 - Perché cazzo solo in Italia non si può manifestare anche pacificamente sotto i palazzi del potere
          come Montecitorio ?
    7 - Se si chiamano "forze dell' ordine", perché non creano la calma anziché istigare ancora di più
         la violenza ?

    Qui il video completo dall' inizio degli scontri di Servizio Pubblico, con tutte le violenze gratuite della polizia

    Produttori di uova: nonostante la legge,ecco come vengono allevate le galline - VIDEO

    Video completo del documentario FABBRICHE DI UOVA.

    Un'investigazione di essereAnimali all'interno degli allevamenti di galline ovaiole.
    L' obiettivo è quello di portare alla luce immagini attuali e provenienti da ogni tipologia di allevamento intensivo (in Gabbia, a Terra, all'Aperto e Biologico) praticato in Emilia Romagna, per rendere pubblico quello che quotidianamente questi animali devono sopportare per soddisfare un consumo di uova che a molti può sembrare privo di sfruttamento.

    A partire dalla fine del Dicembre 2011 e per i due mesi successivi, essereAnimali ha individuato
    più di 50 allevamenti nelle province di Bologna, Cesena, Ferrara, Forlì, Ravenna e Rimini.
    In 27 di questi hanno filmato e fotografato le condizioni degli animali imprigionati,
    ottenendo più di 15 ore di registrazioni video e oltre 1000 fotografie.




    PIU' PRODUZIONE = MAGGIORI GUADAGNI. E MENO QUALITA'

    Viste le condizioni in cui vivono ( girellando tra i cadaveri di altre galline ) è conveniente
    lavare le uova prima di aprirle
    . Molte aziende lavano il guscio, ma altre, come lo si nota
    dalle stesse uova che acquistiamo, no.
    Chi produce le uova in questo modo, guadagna di più e sfama più persone. Chi produce le uova come si faceva ( e si fa ancora ) in campagna, ne produce di meno,
    e guadagna di meno.
    Oggi le aziende hanno come obbiettivo il VENDERE e SFAMARE.
    Rispettare gli animali significherebbe produrre meno uova, sfamare meno persone, e quindi, guadagnare di meno. E' il business ed il denaro che ha la priorità più alta dal secolo scorso, a discapito delle condizioni degli animali e spesso anche della qualità del prodotto.


    Anche tu vivi 29 ore al giorno ?

    Un mologo divertente trovato in web. 
    Buona lettura e buon fine settimana!


    Dicono che tutti i giorni dobbiamo mangiare una mela per il ferro e una banana per il potassio.
    Anche un’arancia per la vitamina C e una tazza di thè verde senza zucchero per prevenire il diabete.
    Tutti i giorni dobbiamo bere due litri d’acqua (sì, e poi pisciarli, che richiede il doppio
    del tempo che hai perso per berli).

    Tutti i giorni bisogna bere un Actimel o mangiare uno yogurt per avere i ‘L.Cassei Defensis’, che nessuno sa bene che cosa cavolo sono però sembra che se non ti ingoi per lo meno un milione e mezzo di questi bacilli (?) tutti i giorni inizi a vedere sfocato.

    Ogni giorno un’aspirina, per prevenire l’infarto, e un bicchiere di Vino rosso, sempre contro l’infarto ed un altro di bianco, per il sistema nervoso, ed uno di birra, che già non mi ricordo per che cosa era.
    Se li bevi tutti insieme, ti può dare un’emorragia cerebrale, però non ti preoccupare,perché non te ne renderai neanche conto.

    Tutti i giorni bisogna mangiare fibra. Molta, moltissima fibra, finché riesci a cagare un maglione.

    giovedì 15 novembre 2012

    Torinese minaccia bambino marocchino: il giudice la condanna allontanandola dalla sua casa



    articolo completo su lastampa.it
    Una torinese di origini palermitane è stata allontanata da casa per ordine di un gip: dal 2008 perseguitava i vicini marocchini, ultimamente anche il figlio più grande - sette anni - della coppia. Al piccolo la signora si presentava all’improvviso, da dietro la tenda sul ballatoio, mimando con l’indice il segno del taglio della gola. Il bambino ha cominciato a farsi la pipì addosso e a soffrire d’insonnia. Alla donna è stata contestata l’aggravante del razzismo.


    La «spietatezza» viene raccontata dai genitori del piccolo Ilias e confermata dal ricorso all’ assistenza neuropsichiatrica del bambino: la vicina si nascondeva, praticamente ogni giorno, dietro alla tenda che, sul ballatoio, divide le rispettive proprietà, per «sbucare all’improvviso insieme al cane di famiglia, urlando e insultando il piccolo, che si spaventava in ogni occasione talmente tanto da cominciare a manifestare i primi disturbi».

    Ilias rimaneva a lungo aggrappato alla ringhiera del ballatoio senza volersene staccare.
    Papà Mohamed, già ad inizio luglio, raccontava a tutti - vicinato, datore di lavoro, colleghi e amici e infine ai carabinieri - che suo figlio faceva brutti sogni quando riusciva a prendere sonno, e poi si svegliava urlando «Mamma, arriva l’anziana, chiudi la porta». Potete immaginare un bambino che si affaccia di casa o vi rientra e si vede addosso la solita signora che una volta mima il taglio della gola, l’altra gli aizza il cane contro. Il bimbo «correva terrorizzato in casa».

    Oltre agli insulti verbali razzisti, si era data da fare in ogni modo: aspettava il rientro della mamma di Ilias e le rovesciava dall’alto secchiate d’acqua in testa. Lei e il marito percuotevano con i pugni - altra accusa - le pareti divisorie fra gli appartamenti al grido «Bastardi marocchini, sporchi, andate via». La bimbina scoppiava a piangere.
    E poi c’erano le angherie di ballatoio: «Puzzate». E i coniugi bruciavano bastoncini d’incenso sotto il naso dei vicini. Mohamed protestava: «Sono asmatico». Gli altri provavano più gusto a ripetersi con variazioni sul tema: spargevano sul ballatoio sale o del grasso. Di quel repertorio fa sorridere che la donna minacciasse di buttarsi dalle scale «per incolpare te, sporco marocchino». Crudele che si rivolgesse al bambino dicendogli: «Non bastava tuo padre, è arrivato anche il piccolo bastardino». 

    Inventori di malattie: le case farmaceutiche creano nuove malattie per il loro business dei farmaci - VIDEO

    C' era una volta, RaiTre, puntata del 05/08/2009.


    Il servizio mostra come le grandi case farmaceutiche creino malattie inesistenti
    per poter "imbottire" di farmaci il cittadino inconsapevole: dal Prozac al Ritalin,
    sino all' atorvastina per curare l' ipercolesterolemia.
    Il livello massimo di colesterolo è stato abbassato negli anni per convincere il paziente
    che ha una malattia e corre il rischio di subire un infarto. Peccato che la causa degli
    infarti non sia collegato al colesterolo, e che un livello di 250 mg/dl non è pericoloso.
    Tra i casi più gravi vi è il Prozac, usato negli Usa per curare il disturbo di deficit di attenzione
    e iperattività ( ADHD ). La patologia è inventata ad hoc, utile per somministrare il farmaco in questione
    e creare un giro di denaro spaventoso. Il farmaco inoltre provoca istinti di omicidio e suicidio:
    la Eli Lilly sapeva di questi effetti collaterali, ma ugualmente ha continuato a produrre,
    pubblicizzare ( negli Stati Uniti una legge consente di pubblicizzare in Tv e altrove, anche i farmaci
    vendibili solo sotto prescrizione medica ) e vendere il farmaco, creando ( come sentiamo anche
    dai media ) una scia di suicidi e omicidi nei giovani che, almeno all' apparenza, può apparire
    senza causa.
    La Eli Lilly è in causa, e molto probabilmente pagherà un risarcimento milionario, ma la cifra
    è solo una briciola in confronto a ciò che ha guadagnato e continua a guadagnare con i suoi
    farmaci: introiti per miliardi di dollari l' anno.
    Il motto delle case farmaceutiche è
    "Il paziente sano è solo un malato inconsapevole".


    Consiglio di ritagliarvi 50 minuti del vostro tempo e vedere tutto il servizio,
    per chi ancora fosse inconsapevole dell' inutilità della stragrande maggioranza dei farmaci.

    mercoledì 14 novembre 2012

    Salvato da una trasfusione di sangue, testimone di Geova denuncia i medici.Non era meglio lasciarlo morire?


    fonte lastampa.it

    Incidente sul lavoro, mano schiacciata, arto ricostruito chirurgicamente, l’operaio ha problemi post-operatori e all’ospedale Maria Vittoria decidono di sottoporlo a trasfusioni di sangue. Per 17 volte D. B. , testimone di Geova, fa riportare il suo dissenso in cartella clinica. A nove giorni dall’incidente i sanitari chiedono alla procura un parere scritto e vien loro risposto di intervenire.


    L’avvocato Fulvio Gianaria, difensore di uno di loro, ricorda:
    «L’alternativa avrebbe potuto essere quella di essere denunciati per omicidio del consenziente. Comunque i medici si sono attivati pensando alla salute del paziente».

    La situazione è buffa: una persona che viene ricoverata d' urgenza dovrebbe subire delle domande sul suo orientamento religioso. Se il paziente avesse comunicato in anticipo che era un testimone di Geova, e che non voleva essere sottoposto a qualsiasi trasfusione, sarebbe bastato un foglio scritto da lui compilato, cosìcché i medici non sarebbero intervenuti, e non avrebbero rischiato qualche denuncia.
    Anche in questo caso comunque non rischiano assolutamente nulla: per la legge hanno svolto il loro lavoro, egregiamente, salvando una vita ed intervenendo tempestivamente.

    Forse... era meglio lasciarla morire questa persona. Nel suo aldilà avrebbe parlato con il suo Dio, e sarebbe stato più contento. Non so se sia più stupido seguire una religione o denunciare i medici per averlo salvato dalla morte.

    Malati di Sla minacciano sciopero della fame: "Vogliono il morto?Lo avranno".Intanto il governo acquista 131 caccia F-35 per 15 miliardi di euro


    fonti ansa.it e ilmessaggero.it

    Non so da voi, ma sopra la mia capoccia, ogni giorno passano minimo tre aerei da guerra: volano facendo un casino enorme, uno vicino all' altro, girellando e consumando carburante pagato dallo Stato. Da noi cittadini.

    E intanto il Governo Monti acquista 131 caccia F-35 ( vedi foto ), per 120 milioni di euro l' uno. Cifra totale:
    15 miliardi di euro circa.


    Inutile dire che questa azione così strana, orribile, e che fa incazzare di brutto, sia dettata
    da legami commerciali ed economici fra Italia e Stati Uniti. Difatti questi aerei verranno acquistati dall' azienda statunitense Lockheed Martin.
    E intanto i malati di sla, sono in sciopero della fame.
    Mariangela Lamanna, vicepresidente del Comitato 16 novembre onlus che ha indetto lo sciopero per i malati come forma estrema per richiamare l'attenzione sulla mancanza del Piano per l'autosufficienza, dice
    "Sono saliti a 70 i disabili gravi e gravissimi in sciopero della fame da quattro giorni.
    E tutto nel silenzio più assoluto del nostro governo e nell'indifferenza della classe politica.
    E' una cosa vergognosa.
    Ci stanno chiamando i prefetti di varie regioni per invitarci a sospendere lo sciopero della fame ma noi non possiamo. Non possiamo essere arrivati a questo punto di esasperazione per poi tirarci indietro. La situazione sta diventando difficile per molti malati che rischiano realmente di andare incontro a situazioni critiche. Cosa vogliono il morto? se continua così lo avranno
    "


    Gli accordi commerciali valgono molto di più della vita dei singoli cittadini.
    Non si sa mai non ci passassero più l' energia elettrica e la benzina...

    Il Vaticano pagherà l' Imu.Anzi no.O forse sì ? Il comunicato del governo Monti smentisce l' articolo di Repubblica

    fonti con dettagli
    Repubblica.it e Ansa.it


     600 milioni di euro: è questa la cifra stimata al momento del provvedimento del Governo Monti che introduceva la tassa sugli immobili di proprietà del Vaticano ( leggi la notizia ).
    Oltre alla cifra che entrerebbe nelle casse dello stato Italiano ci sarebbe la questione della sanzione miliardaria da parte dell' Europa.
    Quindi tutto apposto? Macche!
    Ecco l' articolo di Repubblica di lunedì


    Imu, blitz del governo alla Camera imposta più leggera per la Chiesa
    Palazzo Chigi dribbla le obiezioni del Consiglio di Stato e insiste: per i religiosi viene 'addolcito' il Codice civile e quindi molte attività miste, cioè che ottengono profitti, potranno evitare l'imposta sugli immobili. Nel decreto Enti locali è stata inserita una norma "segreta", che riguarda la definizione di ente no profit, ma che non vale per il resto degli italiani
    ( qui l' articolo completo )

    Ma...
    contemporaneamente vi è una smentita: nessun blitz!
    Ecco il comunicato da Palazzo Chigi
    "In merito ad un articolo di stampa oggi pubblicato, che imputa al governo
    un 'blitz alla Camera' per alleggerire l'Imu a carico degli enti non commerciali,
    si precisa che la ricostruzione dei fatti è del tutto errata e destituita di ogni fondamento. Non c'é stato infatti alcun arretramento
    da parte del governo.
    La norma in questione, come può facilmente essere riscontrato è contenuta
    nel comma 6 dell'articolo 9 del decreto sugli enti locali, su cui domani la Camera 

    darà il voto finale, dopo aver votato la fiducia lo scorso 8 novembre.
    Si precisa pertanto che la disposizione, in linea con gli orientamenti più volte
    espressi dal governo e con le richieste dell'Unione Europea, non è stata modificata in alcuna parte dall'esecutivo durante l'esame alla Camera. Il testo approvato coincide esattamente con quello già deliberato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 4 ottobre.
    Tale intervento si era reso necessario a seguito del primo parere del Consiglio di Stato, che individuava un possibile profilo di debolezza nell'assenza di una delega
    espressa per il regolamento governativo, che risponde in dettaglio
    e puntualmente ai criteri comunitari.

    Il governo ha quindi operato affinché la norma sull'IMU per gli enti non commerciali
    non fosse resa, in alcun modo, meno stringente a seguito di ulteriori iniziative parlamentari. Di fronte a tali proposte emendative, il governo ha chiesto il rinvio del testo in Commissione. A seguito di tale rinvio, gli emendamenti parlamentari sono stati, a loro volta, espunti ed è stato ripristinato, proprio su iniziativa del governo, il testo originario. Nessun blitz, nessun arretramento, ma conferma della linea di assoluto rigore e trasparenza più volte sostenuta dal governo
    "

    martedì 13 novembre 2012

    "Se non mi fa la multa le dò 5 euro": autista tenta di corrompere il poliziotto.Poi aumenta l' offerta


    fonte lagazzettadelmezzogiorno.it

    OSTUNI - L’autista ucraino di un mezzo pesante alle dipendenze di una ditta di autotrasporti con sede a San Vito dei Normanni, in provincia di Brindisi, per evitare gli effetti di un controllo ha tentato di corrompere gli agenti della polizia stradale con la somma di 5 euro. E’ accaduto sulla strada statale 379 nelle campagne di Ostuni. L'uomo 50 anni, è stato denunciato a piede libero.

    Dopo un primo tentativo di corruzione, credendo che l'offerta fosse troppo bassa, ha tentato una improbabile offerta al rialzo peggiorando la situazione e per tale condotta ora deve rispondere di istigazione alla corruzione. Il conducente è stato infine multato per violazioni connesse alla mancata registrazione dell’attività lavorativa svolta.

    lunedì 12 novembre 2012

    Marmellate Zuegg e Hero: la falsa scritta "senza zucchero" costa 300mila euro di multa


    fonte ilfattoalimentare.it

    Zuegg e Hero dovranno pagare rispettivamente 100mila e 200mila euro di multa per aver pubblicizzato le loro marmellate come prodotti alimentari “senza zucchero”.

    L’Autorità garante della concorrenza e del mercato, ha condannato queste due aziende per l’utilizzo di diciture ingannevoli . Per essere corretti va detto che il problema riguarda la maggior parte dei produttori che da anni cercano di catturare con queste diciture l'attenzione dei produttori .

    E ricordiamo che ovviamente non esistono marmellate senza zucchero, come non esistono alimenti Light.
    Le aziende promuovono i prodottimanipolando le pubblicità, in modo da far abboccare le persone che non usano il proprio cervello.

    La tua scuola è a rischio sismico? La mappa mostra che il 90 per cento delle scuole non è stato controllato




    La mappa aggiornata al 9 novembre 2012 comprende gli edifici scolastici di tutte le regioni italiane

    Quanto è sicura la tua scuola?
    Digitane il nome o il codice meccanografico nel campo di ricerca per trovare gli edifici corrispondenti sulla mappa di #scuolesicure ( Qui il link con la mappa interattiva http://daily.wired.it  )
    Se l'icona è magenta, quell'edificio non è stato mai controllato per la sua sicurezza sismica. Questi edifici sono purtroppo il 90%, anche nelle zone a più alto rischio sismico.



    Se non conosci le caratteristiche sismiche della zona attiva la mappa sismica con il bottone in alto a destra o clicca sull'icona per visualizzare le informazioni dettagliate della scuola. Troverai indicata anche la zona sismica di quel comune (1 è per il rischio più alto, 4 per quello più basso) e i riferimenti della scuola. Un'icona gialla indica che quell'edificio è stato verificato e, aprendo il pop-up potrai vedere anche quanto è costato. Purtroppo però per questi edifici non è mai stato divulgato un indice di rischio. Potrebbero essere sicurissime o disastrose, ma non lo sappiamo.
    È un po’ come andare da un medico, pagare la visita, ma non poter leggere il risultato degli esami (il sito Wired che ha pubblicato la mappa sta richiedendo questi indici, ma con poco successo; se vuoi sapere come farlo tu stesso scrivili a school@wired.it). Un'icona rossa o azzurra indica invece un edificio di cui si conoscono sia i costi che gli esiti delle verifiche. Quelli rossi hanno un indice di rischio (IR) tra 0 e 0,49 e sono scuole pericolose in caso diu terremoto, sulle quali cui si dovrebbe intervenire al più presto. Quelli azzurri sono invece edifici con un indice superiore a 0,5. Più il valore è alto, più l'edificio è solido. L’indice, è importante ricordarlo, tiene già conto della zona sismica in cui si trova una scuola. Perciò due scuole con indice 1, anche se una in zona a sismicità 4 e l’altra in zona 2, hanno lo stesso valore di sicurezza assoluta.